ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator Leonora Addio | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, Leonora addio, il chiodo, Pirandello, ceneri, Taviani, Fabrizio Ferracane, Agrigento, Realmonte, Caos, Palma di Montechiaro, Montechiaro, Siracusa, Ortigia, Argimusco, megaliti, megaliths, Montalbano elicona, Italy for Movies, trovatore, Questa sera si recita a soggetto, Novelle per un anno

Leonora Addio

Genere

Film drammatico

Cast

Fabrizio Ferracane, Matteo Pittiruti, Dania Marino, Dora Becker, Claudio Bigagli, Roberto Herlitzka, Robert Steiner, Luca Ghillino, Simone Ciampi, Biagio Barone, Giuseppe Lo Piccolo, Enrico Maria Modugno, Federico Tocci, Jessica Piccolo Valerani, Giuseppe Spata

Regia

Paolo Taviani

Leonora Addio

Genere

Film drammatico

Cast

Fabrizio Ferracane, Matteo Pittiruti, Dania Marino, Dora Becker, Claudio Bigagli, Roberto Herlitzka,

Regia

Paolo Taviani
Salva
Condividi

I luoghi

“Ah! che la morte ognora
è tarda nel venir
a chi desia
a chi desia morir!
Addio,
addio, Leonora, addio…”

Nel 1936, due anni dopo il riconoscimento del Nobel, Luigi Pirandello, in punto di morte, vede scorrere la sua vita, mentre i figli invecchiano man mano che si avvicinano al suo capezzale, allestito in una stanza bianca, asettica, negli studi di Cinecittà.

Leonora addio, che richiama nel titolo la romanza del Trovatore di Verdi, racconta l’avventura delle ceneri del celebre scrittore e drammaturgo che fu premio Nobel per la letteratura nel 1934. Una storia che ha dell’incredibile: sembrerebbe ispirata ai sui stessi scritti se non riguardasse quel che accadde dopo la sua dipartita.

Nel testamento, Pirandello aveva dato disposizioni precise: “Sia lasciata passare in silenzio la mia morte. Agli amici, ai nemici preghiera non che di parlarne sui giornali, ma di non farne pur cenno. Né annunzi né partecipazioni. Morto, non mi si vesta. Mi s'avvolga, nudo, in un lenzuolo. E niente fiori sul letto e nessun cero acceso. Carro d'infima classe, quello dei poveri. Nudo. E nessuno m’accompagni, né parenti, né amici. Il carro, il cavallo, il cocchiere e basta. Bruciatemi. E il mio corpo appena arso, sia lasciato disperdere; perché niente, neppure la cenere, vorrei avanzasse di me. Ma se questo non si può fare sia l’urna cineraria portata in Sicilia e murata in qualche rozza pietra nella campagna di Girgenti, dove nacqui”.

Tuttavia le cose, come racconta il regista Paolo Taviani, andarono diversamente.

Fabrizio Ferracane al Cimitero del Verano

A Palazzo Venezia si decidono le sorti delle sue ceneri, bloccate a Roma dalla guerra e dal fascismo. Custodite dietro una lapide al cimitero del Verano, trascorrono 10 lunghissimi anni richiamati dai frammenti di neorealismo che si frappongono alle scene del film, prima di intraprendere il viaggio attraverso l’Italia del dopoguerra che le riporterà ai luoghi di origine. Mentre dai finestrini scorrono alcuni paesaggi della Puglia, le case bianche di Ostuni, gli uliveti di Fasano e le saline di Margherita di Savoia, all’interno di un treno si coltivano speranze per un futuro migliore.

Al viaggio su rotaia le ceneri dello scrittore ci sono arrivate dopo essere state prelevate dall’urna in cui riposavano, inserite in una cassa, sotto il vigile e ansioso controllo del messo del comune di Agrigento (Fabrizio Ferracane), dopo aver attraversato traballanti l’acciottolato dell’Appia antica a bordo di una jeep ed aver tentato inutilmente di prendere un volo – gli interni dell’aereo sono girati al Museo dell’Aeronautica di Bracciano – mai partito per assurde superstizioni.

L’arrivo in Sicilia non è la fine dell’avventura: alle ceneri toccherà attraversare la città dentro una bara da bambino e aspettare la lunghissima realizzazione del mausoleo prima di trovare finalmente pace 15 anni dopo la scomparsa dello scrittore. Le riprese siciliane comprendono le strade di Ortigia, a Siracusa, gli interni del Monastero dei Benedettini e della biblioteca “Ursino Recupero" a Catania, contrada Caos ad Agrigento, dove si trovano il monumento e la casa natale dello scrittore, il castello di Palma di Montechiaro, dove vengono disperse parte delle ceneri. Le scene in cui lo scultore trova la pietra per costruire il mausoleo sono girate in località Argimusco, presso i megaliti del comune di Montalbano Elicona.

Finita l’avventura della sepoltura si cambia completamente scenario e ambientazione. Il bianco e nero lascia il posto al colore e dall’Italia del dopoguerra si passa, con un salto temporale e spaziale, alla Brooklyn di inizio Novecento dove è ambientata Il chiodo, novella che Pirandello scrisse 20 giorni prima di morire.

Il finale ricorda allo spettatore, attraverso un cortocircuito richiamato da uno dei temi più ricorrenti della poetica pirandelliana, che la vita stessa ad essere teatro, in questo caso il Teatro dell’Opera di Roma.

I luoghi

“Ah! che la morte ognora
è tarda nel venir
a chi desia
a chi desia morir!
Addio,
addio, Leonora, addio…”

Nel 1936, due anni dopo il riconoscimento del Nobel, Luigi Pirandello, in punto di morte, vede scorrere la sua vita, mentre i figli invecchiano man mano che si avvicinano al suo capezzale, allestito in una stanza bianca, asettica, negli studi di Cinecittà.

Leonora addio, che richiama nel titolo la romanza del Trovatore di Verdi, racconta l’avventura delle ceneri del celebre scrittore e drammaturgo che fu premio Nobel per la letteratura nel 1934. Una storia che ha dell’incredibile: sembrerebbe ispirata ai sui stessi scritti se non riguardasse quel che accadde dopo la sua dipartita.

Nel testamento, Pirandello aveva dato disposizioni precise: “Sia lasciata passare in silenzio la mia morte. Agli amici, ai nemici preghiera non che di parlarne sui giornali, ma di non farne pur cenno. Né annunzi né partecipazioni. Morto, non mi si vesta. Mi s'avvolga, nudo, in un lenzuolo. E niente fiori sul letto e nessun cero acceso. Carro d'infima classe, quello dei poveri. Nudo. E nessuno m’accompagni, né parenti, né amici. Il carro, il cavallo, il cocchiere e basta. Bruciatemi. E il mio corpo appena arso, sia lasciato disperdere; perché niente, neppure la cenere, vorrei avanzasse di me. Ma se questo non si può fare sia l’urna cineraria portata in Sicilia e murata in qualche rozza pietra nella campagna di Girgenti, dove nacqui”.

Tuttavia le cose, come racconta il regista Paolo Taviani, andarono diversamente.

Fabrizio Ferracane al Cimitero del Verano

A Palazzo Venezia si decidono le sorti delle sue ceneri, bloccate a Roma dalla guerra e dal fascismo. Custodite dietro una lapide al cimitero del Verano, trascorrono 10 lunghissimi anni richiamati dai frammenti di neorealismo che si frappongono alle scene del film, prima di intraprendere il viaggio attraverso l’Italia del dopoguerra che le riporterà ai luoghi di origine. Mentre dai finestrini scorrono alcuni paesaggi della Puglia, le case bianche di Ostuni, gli uliveti di Fasano e le saline di Margherita di Savoia, all’interno di un treno si coltivano speranze per un futuro migliore.

Al viaggio su rotaia le ceneri dello scrittore ci sono arrivate dopo essere state prelevate dall’urna in cui riposavano, inserite in una cassa, sotto il vigile e ansioso controllo del messo del comune di Agrigento (Fabrizio Ferracane), dopo aver attraversato traballanti l’acciottolato dell’Appia antica a bordo di una jeep ed aver tentato inutilmente di prendere un volo – gli interni dell’aereo sono girati al Museo dell’Aeronautica di Bracciano – mai partito per assurde superstizioni.

L’arrivo in Sicilia non è la fine dell’avventura: alle ceneri toccherà attraversare la città dentro una bara da bambino e aspettare la lunghissima realizzazione del mausoleo prima di trovare finalmente pace 15 anni dopo la scomparsa dello scrittore. Le riprese siciliane comprendono le strade di Ortigia, a Siracusa, gli interni del Monastero dei Benedettini e della biblioteca “Ursino Recupero" a Catania, contrada Caos ad Agrigento, dove si trovano il monumento e la casa natale dello scrittore, il castello di Palma di Montechiaro, dove vengono disperse parte delle ceneri. Le scene in cui lo scultore trova la pietra per costruire il mausoleo sono girate in località Argimusco, presso i megaliti del comune di Montalbano Elicona.

Finita l’avventura della sepoltura si cambia completamente scenario e ambientazione. Il bianco e nero lascia il posto al colore e dall’Italia del dopoguerra si passa, con un salto temporale e spaziale, alla Brooklyn di inizio Novecento dove è ambientata Il chiodo, novella che Pirandello scrisse 20 giorni prima di morire.

Il finale ricorda allo spettatore, attraverso un cortocircuito richiamato da uno dei temi più ricorrenti della poetica pirandelliana, che la vita stessa ad essere teatro, in questo caso il Teatro dell’Opera di Roma.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Film drammatico
Regia
Paolo Taviani
Cast
Fabrizio Ferracane, Matteo Pittiruti, Dania Marino, Dora Becker, Claudio Bigagli, Roberto Herlitzka, Robert Steiner, Luca Ghillino, Simone Ciampi, Biagio Barone, Giuseppe Lo Piccolo, Enrico Maria Modugno, Federico Tocci, Jessica Piccolo Valerani, Giuseppe Spata
Paese di produzione
Italia
Anno
2022
Anno di ambientazione
1936-1951
Produzione

Stemal Entertainment, Rai Cinema, Luce Cinecittà, Cinemaundici

Trama

La rocambolesca avventura delle ceneri di Pirandello e il movimentato viaggio dell’urna da Roma ad Agrigento, fino alla tribolata sepoltura avvenuta dopo quindici anni dalla morte. E a chiudere il film, l’ultimo racconto di Pirandello scritto venti giorni prima di morire: “Il chiodo” dove il giovane Bastianeddu, strappato in Sicilia dalle braccia della madre e costretto a seguire il padre al di là dell’oceano, non riesce a sanare la ferita che lo spinge a un gesto insensato.

Le location

Catania
Regione: Sicilia Tipologia: Città Territorio: città
Cinecittà Studi Cinematografici
Regione: Lazio Tipologia: Studio di produzione Territorio: città, periferia
Montalbano Elicona
Regione: Sicilia Tipologia: Borgo storico Territorio: collina
Ortigia
Regione: Sicilia Tipologia: Borgo storico Territorio: centro storico, mare
Palma di Montechiaro
Regione: Sicilia Tipologia: Paese Territorio: collina
Parco regionale dell'Appia Antica
Regione: Lazio Tipologia: Parchi naturali Territorio:

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Addio giovinezza
Film commedia
Regia: Ferdinando Maria Poggioli
Amarcord
Film commedia 
Regia: Federico Fellini
America Latina
Film thriller
Regia: Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo
Anna
Serie tv - 6 episodi
Regia: Niccolò Ammaniti
Blood and Treasure
Serie tv – 4 episodi
Regia: Stephen Boyum, Tawnia McKiernann, Michael Dinner
Catch-22
Serie tv – 6 episodi
Regia: George Clooney, Grant Heslov, Ellen Kuras
Cyrano
Film musical
Regia: Joe Wright
Dante Ferretti scenografo italiano
Documentario
Regia: Gianfranco Giagni
Divorzio all'italiana
Film commedia
Regia: Pietro Germi
Domina
Serie tv – 8 episodi
Regia: Claire McCarthy, David Evans, Debs Paterson
È arrivata la felicità
Serie tv – 24 episodi
Regia: Riccardo Milani, Francesco Vicario
E la nave va
Film commedia
Regia: Federico Fellini
Esterno Notte
Serie tv - 6 episodi
Regia: Marco Bellocchio
Everest
Film drammatico 
Regia: Baltasar Kormákur
Fedeltà
Serie tv - 6 episodi
Regia: Andrea Molaioli, Stefano Cipani
Fellini Satyricon
Film storico, grottesco
Regia: Federico Fellini
Ginger e Fred
Film commedia
Regia: Federico Fellini
Giulietta degli Spiriti
Film drammatico, grottesco
Regia: Federico Fellini
Gli anni più belli
Film drammatico
Regia: Gabriele Muccino
Gran Turismo 6 (Game)
Simulatore di guida
Guerra e Pace
Film storico
Regia: King Vidor
Habemus Papam
Film commedia
Regia: Nanni Moretti
House of Gucci
Film biografico
Regia: Ridley Scott
I due Papi
Film biografico
Regia: Fernando Meirelles
I Viceré
Film storico
Regia: Roberto Faenza
Il Casanova di Federico Fellini
Film biografico, grottesco
Regia: Federico Fellini
Il divo
Film biografico
Regia: Paolo Sorrentino
Il nome della rosa (serie tv)
Serie tv – 8 episodi
Regia: Giacomo Battiato
Il professor Cenerentolo
Film commedia
Regia: Leonardo Pieraccioni
Il ritorno di don Camillo
Film commedia
Regia: Julien Duvivier
Il talento di Mr. Ripley
Film drammatico, thriller
Regia: Anthony Minghella
Imma Tataranni – Sostituto procuratore
Serie tv
Regia: Francesco Amato
L'abbuffata
Film commedia
Regia: Mimmo Calopresti
La banda degli onesti
Film commedia
Regia: Camillo Mastrocinque
La città delle donne
Film commedia, fantastico
Regia: Federico Fellini
La dolce vita
Film drammatico
Regia: Federico Fellini
La mia casa è piena di specchi
Miniserie tv - 2 episodi
Regia: Vittorio Sindoni
La passione di Cristo
Film drammatico, storico
Regia: Mel Gibson
Lei mi parla ancora
Film drammatico
Regia: Pupi Avati
Lo chiamavano Jeeg Robot
Film drammatico, azione
Regia: Gabriele Mainetti
Loro 1
Film biografico
Regia: Paolo Sorrentino
Loro 2
Film biografico
Regia: Paolo Sorrentino
Luna Nera
Serie tv – 6 episodi
Regia: Francesca Comencini, Susanna Nicchiarelli, Paola Randi
Magnifica presenza
Film commedia
Regia: Ferzan Ozpetek
Malèna
Film drammatico
Regia: Giuseppe Tornatore
Mimì metallurgico ferito nell'onore
Film commedia
Regia: Lina Wertmüller
Miss Marx
Film biografico
Regia: Susanna Nicchiarelli
Non ci resta che piangere
Film commedia
Regia: Massimo Troisi, Roberto Benigni
Power of Rome
Documentario
Regia: Giovanni Troilo
Prova d'orchestra
Film commedia, grottesco
Regia: Federico Fellini
Reality
Film drammatico
Regia: Matteo Garrone
Riot: Civil Unrest
Strategico/gestionale
Romeo e Giulietta
Film drammatico
Regia: Franco Zeffirelli
Six Underground
Film azione, thriller
Regia: Michael Bay
Stanley Tucci: Searching for Italy
Serie tv - 2 stagioni
Regia: Satiyesh Manoharajah, Neil Ferguson, Chiara Messineo, Archie Powell, Chloë Avery
The New Pope
Serie tv – 9 episodi
Regia: Paolo Sorrentino
The Young Pope
Serie tv – 10 episodi 
Regia: Paolo Sorrentino
Titus
Film drammatico
Regia: Julie Taymor
Tolo Tolo
Film commedia
Regia: Luca Medici
Un Natale stupefacente
Film commedia
Regia: Volfango De Biasi
Zoolander 2
Film commedia
Regia: Ben Stiller

News correlate

Tutte le news