Le amiche | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, Le amiche, Antonioni, Torino, Turin, Mole, Piazza San Carlo, via Roma, caffè Torino, Murazzi, Po, Lungo Po, Armando Diaz, Portici, Sabaudia, San Filippo Neri, Piemonte, Piedmont, Lazio

Le amiche

Genere

Film drammatico

Cast

Gabriele Ferzetti, Yvonne Furneaux, Ettore Manni, Valentina Cortese, Eleonora Rossi Drago

Regia

Michelangelo Antonioni

Le amiche

Genere

Film drammatico

Cast

Gabriele Ferzetti, Yvonne Furneaux, Ettore Manni, Valentina Cortese, Eleonora Rossi Drago

Regia

Michelangelo Antonioni
Salva
Condividi

I luoghi

Liberamente tratta dal romanzo di Cesare Pavese, Tra donne sole (1949), la pellicola si apre con una lunga e lenta panoramica a volo d’uccello sulla città di Torino e si chiude, fatalmente, sulla Mole Antonelliana, la più identitaria delle emergenze architettoniche dello skyline torinese. Clelia è tornata nel capoluogo piemontese per aprire una succursale della casa di moda per cui lavorava a Roma. La centralissima Piazza San Carlo fa da teatro all’incontro di Clelia con Carlo, cui poco dopo si aggiunge l’architetto Cesare Pedoni, a cui sono affidati i lavori nell’atelier, che ha sede nell’adiacente via Roma, sotto il portico con le colonne in granito, al civico 282.

I tre si ritrovano all’interno del Caffè Torino, locale storico sulla piazza principale della città, luogo di incontro degli intellettuali in epoca risorgimentale, che ancora oggi conserva il suo arredamento con statue, marmi pregiati e stucchi. Antonioni riprende il famoso bar-ristorante sia all’interno, con i suoi sfarzosi specchi e lampadari, sia all’esterno, per poi seguire Clelia che cammina sotto i portici dopo aver discusso animatamente con l’architetto. La donna viene seguita da quest’ultimo, che cerca di rabbonirla, e da Carlo: dietro di loro la macchina da presa mostra la piazza, di cui si riconoscono i palazzi porticati e soprattutto, al centro, il monumento equestre a Emanuele Filiberto di Savoia (Carlo Marochetti, 1838), con il duca che ripone la spada nel fodero dopo la vittoria di San Quintino del 10 agosto 1557.

Clelia e Carlo, nella parte centrale della storia, per scegliere i mobili con cui arredare l’atelier, vanno insieme in un negozio sotto i portici di Piazza della Repubblica e, usciti di là fanno una passeggiata nella zona limitrofa, dove Clelia descrive a Carlo, non senza una certa vena malinconica, il quartiere in cui è cresciuta, mostrandogli cortili e palazzi, fino ad arrivare nella vicina Piazza Don Paolo Albera. Ci si sposta poco più a sud, invece, dopo il successo della prima sfilata, per la cena che coinvolge gran parte dei personaggi in un ristorante in via Conte Verde, all’incrocio con largo IV Marzo.

Il Po è una presenza costante in tutta la pellicola, talvolta lo si vede solo di sfuggita, dalle finestre di un ristorante, in altre fa da fondale a sequenze importanti, come quella in cui Rosetta confessa il suo amore a Lorenzo, il pittore fallito che mal tollera i successi della moglie Nene e che l’ha ritratta in una tela. La scena si svolge in Corso Achille Mario Dogliotti, a un passo dalla riva del fiume. I due amanti, in un’altra sequenza, camminano nei giardini di Piazza Cavour, fermandosi davanti ad un piccolo chiosco di dolciumi e al monumento in onore di Carlo Felice Nicolis, Conte di Robilant, politico e diplomatico risorgimentale, opera di Giacomo Ginotti (1896-1900). Sullo sfondo, il palazzo che fa da fondale alla scena è oggi più alto di quanto lo fosse nel 1955, grazie all’aggiunta di due piani. Anche il suicidio di Rosetta, il cui malessere è al centro di gran parte della vicenda, avverrà proprio gettandosi nel fiume, anche se la macchina da presa racconta solamente il momento in cui il suo corpo viene ripescato lungo i Murazzi del Po, riconoscibili dalle grandi scalinate che colmano il dislivello con il soprastante Lungo Po Armando Diaz.

È curioso, invece, notare che il primo tentativo di suicidio della ragazza, avvenuto al di fuori della narrazione, all’inizio del film, ne aveva causato il ricovero in ospedale, in una sequenza girata nell’ospedale San Filippo Neri sulla via Trionfale a Roma. Altrettanto lontano da Torino, infine, si svolge la fondamentale sequenza della gita al mare, significativa parte aggiunta da Antonioni e splendidamente scritta in sceneggiatura da Suso Cecchi d’Amico. Il luogo non viene precisato, ma quello che i personaggi raggiungono con un breve spostamento in treno è il mar Tirreno all’altezza della città pontina di Sabaudia.

I luoghi

Liberamente tratta dal romanzo di Cesare Pavese, Tra donne sole (1949), la pellicola si apre con una lunga e lenta panoramica a volo d’uccello sulla città di Torino e si chiude, fatalmente, sulla Mole Antonelliana, la più identitaria delle emergenze architettoniche dello skyline torinese. Clelia è tornata nel capoluogo piemontese per aprire una succursale della casa di moda per cui lavorava a Roma. La centralissima Piazza San Carlo fa da teatro all’incontro di Clelia con Carlo, cui poco dopo si aggiunge l’architetto Cesare Pedoni, a cui sono affidati i lavori nell’atelier, che ha sede nell’adiacente via Roma, sotto il portico con le colonne in granito, al civico 282.

I tre si ritrovano all’interno del Caffè Torino, locale storico sulla piazza principale della città, luogo di incontro degli intellettuali in epoca risorgimentale, che ancora oggi conserva il suo arredamento con statue, marmi pregiati e stucchi. Antonioni riprende il famoso bar-ristorante sia all’interno, con i suoi sfarzosi specchi e lampadari, sia all’esterno, per poi seguire Clelia che cammina sotto i portici dopo aver discusso animatamente con l’architetto. La donna viene seguita da quest’ultimo, che cerca di rabbonirla, e da Carlo: dietro di loro la macchina da presa mostra la piazza, di cui si riconoscono i palazzi porticati e soprattutto, al centro, il monumento equestre a Emanuele Filiberto di Savoia (Carlo Marochetti, 1838), con il duca che ripone la spada nel fodero dopo la vittoria di San Quintino del 10 agosto 1557.

Clelia e Carlo, nella parte centrale della storia, per scegliere i mobili con cui arredare l’atelier, vanno insieme in un negozio sotto i portici di Piazza della Repubblica e, usciti di là fanno una passeggiata nella zona limitrofa, dove Clelia descrive a Carlo, non senza una certa vena malinconica, il quartiere in cui è cresciuta, mostrandogli cortili e palazzi, fino ad arrivare nella vicina Piazza Don Paolo Albera. Ci si sposta poco più a sud, invece, dopo il successo della prima sfilata, per la cena che coinvolge gran parte dei personaggi in un ristorante in via Conte Verde, all’incrocio con largo IV Marzo.

Il Po è una presenza costante in tutta la pellicola, talvolta lo si vede solo di sfuggita, dalle finestre di un ristorante, in altre fa da fondale a sequenze importanti, come quella in cui Rosetta confessa il suo amore a Lorenzo, il pittore fallito che mal tollera i successi della moglie Nene e che l’ha ritratta in una tela. La scena si svolge in Corso Achille Mario Dogliotti, a un passo dalla riva del fiume. I due amanti, in un’altra sequenza, camminano nei giardini di Piazza Cavour, fermandosi davanti ad un piccolo chiosco di dolciumi e al monumento in onore di Carlo Felice Nicolis, Conte di Robilant, politico e diplomatico risorgimentale, opera di Giacomo Ginotti (1896-1900). Sullo sfondo, il palazzo che fa da fondale alla scena è oggi più alto di quanto lo fosse nel 1955, grazie all’aggiunta di due piani. Anche il suicidio di Rosetta, il cui malessere è al centro di gran parte della vicenda, avverrà proprio gettandosi nel fiume, anche se la macchina da presa racconta solamente il momento in cui il suo corpo viene ripescato lungo i Murazzi del Po, riconoscibili dalle grandi scalinate che colmano il dislivello con il soprastante Lungo Po Armando Diaz.

È curioso, invece, notare che il primo tentativo di suicidio della ragazza, avvenuto al di fuori della narrazione, all’inizio del film, ne aveva causato il ricovero in ospedale, in una sequenza girata nell’ospedale San Filippo Neri sulla via Trionfale a Roma. Altrettanto lontano da Torino, infine, si svolge la fondamentale sequenza della gita al mare, significativa parte aggiunta da Antonioni e splendidamente scritta in sceneggiatura da Suso Cecchi d’Amico. Il luogo non viene precisato, ma quello che i personaggi raggiungono con un breve spostamento in treno è il mar Tirreno all’altezza della città pontina di Sabaudia.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Film drammatico
Regia
Michelangelo Antonioni
Cast
Gabriele Ferzetti, Yvonne Furneaux, Ettore Manni, Valentina Cortese, Eleonora Rossi Drago
Paese di produzione
Italia
Anno
1955
Produzione

Trionfalcine

Trama

Una giovane donna ritorna a Torino, sua città natale, per aprire una casa di moda. Qui inizia a frequentare una donna problematica e il suo gruppo di amici.

Le location

Lungo Po Armando Diaz – Torino
Regione: Piemonte Tipologia: Strada Territorio: centro storico
Mole Antonelliana – Museo Nazionale del Cinema
Regione: Piemonte Tipologia: Torre Territorio: città, pianura
Piazza della Repubblica – Torino
Regione: Piemonte Tipologia: Piazza Territorio: città
Piazza San Carlo – Torino
Regione: Piemonte Tipologia: Piazza Territorio: centro storico, città
Sabaudia
Regione: Lazio Tipologia: Città Territorio: lago, mare, pianura

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Caccia al tesoro
Film commedia
Regia: Carlo Vanzina
Così ridevano
Film drammatico
Regia: Gianni Amelio
Dopo mezzanotte
Film commedia, sentimentale
Regia: Davide Ferrario
Dove non ho mai abitato
Film drammatico
Regia: Paolo Franchi
Fai bei sogni
Film drammatico, biografico
Regia: Marco Bellocchio
Il compleanno
Film drammatico
Regia: Marco Filiberti
Il mio vicino del piano di sopra
Film tv
Regia: Fabrizio Costa
L'amico di famiglia
Film drammatico
Regia: Paolo Sorrentino
La donna della domenica
Film giallo
Regia: Luigi Comencini
La seconda volta
Film drammatico
Regia: Mimmo Calopresti
La stagione dei delitti 2
Serie TV – 10 episodi per 2 stagioni
Regia: Donatella Maiorca, Daniele Costantini
La verità, vi spiego, sull'amore
Film commedia
Regia: Max Croci
Loro chi?
Film commedia
Regia: Francesco Micciché, Fabio Bonifacci
Maledetta primavera
FIlm drammatico
Regia: Elisa Amoruso
Maschi contro femmine
Film commedia
Regia: Fausto Brizzi
Mimì metallurgico ferito nell'onore
Film commedia
Regia: Lina Wertmüller
Nessuno come noi
Film drammatico, sentimentale
Regia: Volfango De Biasi
Restiamo Amici
Film commedia
Regia: Antonello Grimaldi
The Italian Job (Game)
Simulatore di guida
The King's Man - Le Origini
Film azione
Regia: Matthew Vaughn
Un colpo all'italiana
Film commedia, azione
Regia: Peter Collinson

News correlate

Tutte le news