Così ridevano | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, così ridevano, The Way We Laughed, Gianni Amelio, Enrico Lo Verso, Torino, Turin, Porta Nuova, migranti, Piazza San Carlo, Paesana, via della Consolata,  Mole Antonelliana, Piazza Carlo Emanuele II, Mercato di Porta Palazzo, Porta Palazzo market, Galleria Umberto I, Piazza Madama Cristina, Piemonte, Piedmont

Così ridevano

Genere

Film drammatico

Cast

Enrico Lo Verso, Francesco Giuffrida, Fabrizio Gifuni, Paolo Sena

Regia

Gianni Amelio

Così ridevano

Genere

Film drammatico

Cast

Enrico Lo Verso, Francesco Giuffrida, Fabrizio Gifuni, Paolo Sena

Regia

Gianni Amelio
Salva
Condividi

I luoghi

Nel 1958 un gruppo di migranti del sud arriva a Torino alla stazione di Porta Nuova. È una Torino plumbea e tetra quella che si vede nelle scene successive, con gli occhi di una famiglia del sud in cerca del proprio alloggio: attraversa Piazza San Carlo, per poi fermarsi davanti ad un palazzo, ma probabilmente non è l’indirizzo giusto perché “forse qui abita il padrone di Torino” commenta l’uomo di fronte alla bellezza delle colonne che adornano l’atrio di Palazzo Paesana in via della Consolata. La passeggiata della famiglia in cerca della propria sistemazione continua con la vista del “Duomo di Milano” ma è la Mole Antonelliana, e con una sosta su una panchina in Piazza Carlo Emanuele II, ai piedi della statua di Camillo Benso di Cavour. Giovanni, che era nel gruppo di migranti sbarcati a Torino, un anno dopo è a lavoro al Mercato di Porta Palazzo di notte. Se Giovanni negli anni riesce a guadagnare qualche soldo dalla miseria di altri migranti come lui, permettendo al fratello Pietro un alloggio dignitoso e la possibilità di studiare, Pietro in realtà non rappresenta il modello di studente virtuoso: durante un tragitto in tram si appropria di un portafogli che è stato rubato da un altro, ne preleva i soldi e getta il superfluo nel Po. Nella Galleria Umberto I a Giovanni viene consegnata una lettera, qui qualche tempo dopo Pietro andrà in cerca del fratello per comunicargli il superamento di un esame. In Piazza Madama Cristina Pietro assiste all’incontro tra Giovanni e un uomo nella scena più drammatica del film. Il finale è in stazione, dove tutto è iniziato, sei anni dopo.

I luoghi

Nel 1958 un gruppo di migranti del sud arriva a Torino alla stazione di Porta Nuova. È una Torino plumbea e tetra quella che si vede nelle scene successive, con gli occhi di una famiglia del sud in cerca del proprio alloggio: attraversa Piazza San Carlo, per poi fermarsi davanti ad un palazzo, ma probabilmente non è l’indirizzo giusto perché “forse qui abita il padrone di Torino” commenta l’uomo di fronte alla bellezza delle colonne che adornano l’atrio di Palazzo Paesana in via della Consolata. La passeggiata della famiglia in cerca della propria sistemazione continua con la vista del “Duomo di Milano” ma è la Mole Antonelliana, e con una sosta su una panchina in Piazza Carlo Emanuele II, ai piedi della statua di Camillo Benso di Cavour. Giovanni, che era nel gruppo di migranti sbarcati a Torino, un anno dopo è a lavoro al Mercato di Porta Palazzo di notte. Se Giovanni negli anni riesce a guadagnare qualche soldo dalla miseria di altri migranti come lui, permettendo al fratello Pietro un alloggio dignitoso e la possibilità di studiare, Pietro in realtà non rappresenta il modello di studente virtuoso: durante un tragitto in tram si appropria di un portafogli che è stato rubato da un altro, ne preleva i soldi e getta il superfluo nel Po. Nella Galleria Umberto I a Giovanni viene consegnata una lettera, qui qualche tempo dopo Pietro andrà in cerca del fratello per comunicargli il superamento di un esame. In Piazza Madama Cristina Pietro assiste all’incontro tra Giovanni e un uomo nella scena più drammatica del film. Il finale è in stazione, dove tutto è iniziato, sei anni dopo.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Film drammatico
Regia
Gianni Amelio
Cast
Enrico Lo Verso, Francesco Giuffrida, Fabrizio Gifuni, Paolo Sena
Paese di produzione
Italia
Anno
1998
Anno di ambientazione
1958-1964
Produzione

Cecchi Gori Group

Premi
Mostra del Cinema di Venezia 1998: Leone d'oro a Gianni Amelio – Premio Osella a Luca Bigazzi
Trama

Sei giornate, dal 1958 al 1964, raccontano lo stretto legame tra Giovanni e Pietro, due fratelli siciliani emigrati a Torino. Il fratello maggiore, Giovanni, che è analfabeta, fa di tutto per permettere a Pietro, il minore, di ottenere un diploma da maestro.

Le location

Mole Antonelliana – Museo Nazionale del Cinema
Regione: Piemonte Tipologia: Torre Territorio: città, pianura
Palazzo Saluzzo Paesana – Torino
Regione: Piemonte Tipologia: Palazzo Territorio: centro storico, città
Piazza della Repubblica – Torino
Regione: Piemonte Tipologia: Piazza Territorio: città
Piazza San Carlo – Torino
Regione: Piemonte Tipologia: Piazza Territorio: centro storico, città
Stazione di Porta Nuova – Torino
Regione: Piemonte Tipologia: Stazione Territorio: centro storico, città

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Caccia al tesoro
Film commedia
Regia: Carlo Vanzina
Dopo mezzanotte
Film commedia, sentimentale
Regia: Davide Ferrario
Fai bei sogni
Film drammatico, biografico
Regia: Marco Bellocchio
Il divo
Film biografico
Regia: Paolo Sorrentino
Il mio vicino del piano di sopra
Film tv
Regia: Fabrizio Costa
La donna della domenica
Film giallo
Regia: Luigi Comencini
La seconda volta
Film drammatico
Regia: Mimmo Calopresti
La stagione dei delitti 2
Serie TV – 10 episodi per 2 stagioni
Regia: Donatella Maiorca, Daniele Costantini
La verità, vi spiego, sull'amore
Film commedia
Regia: Max Croci
Le amiche
Film drammatico
Regia: Michelangelo Antonioni
Maschi contro femmine
Film commedia
Regia: Fausto Brizzi
Mimì metallurgico ferito nell'onore
Film commedia
Regia: Lina Wertmüller
Nessuno come noi
Film drammatico, sentimentale
Regia: Volfango De Biasi
Noi
Serie tv - 12 episodi
Regia: Luca Ribuoli
The Italian Job (Game)
Simulatore di guida
Un colpo all'italiana
Film commedia, azione
Regia: Peter Collinson

News correlate

Tutte le news