La Certosa di Parma – sceneggiato | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, Certosa di Parma, Charterhouse of Parma, Fabrizio Del Dongo, Waterloo, Napoleone, Nepi, Rocca Meli Lupi, Soragna, Rocca di Soragna, Mantova, teatro Bibiena, Palazzo d'Arco, Palazzo Ducale, Ranuccio Ernesto IV, Parma, Santa Maria Assunta, battistero, Reggia di Colorno, Colorno, Torrechiara, Villa Trivulzio, Sabbioneta, Santuario della Beata Vergine delle grazie, Curtatone, Abbazia di Valserena, Abbey of Valserena, Marthe Keller, Andrea Occhipinti, Gian Maria Volonté, Lucia Bosè, Emilia, Romagna, Lombardia, Lombardy, lago di Como, lake Como

La Certosa di Parma – sceneggiato

Genere

Serie tv – 6 episodi

Cast

Marthe Keller, Andrea Occhipinti, Gian Maria Volonté, Georges Wilson, Pascale Reynaud, Lucia Bosè, Nelly Borgeaud, Yann Babilée, Hans-Michael Rehberg, Heiner Lauterbach, Giancarlo Prati, Renato Scarpa, Antonello Fassari

Regia

Mauro Bolognini

La Certosa di Parma – sceneggiato

Genere

Serie tv – 6 episodi

Cast

Marthe Keller, Andrea Occhipinti, Gian Maria Volonté, Georges Wilson, Pascale Reynaud, Lucia Bosè,

Regia

Mauro Bolognini
Salva
Condividi

I luoghi

Una folla festante accoglie i francesi nella Milano tardo settecentesca, a cui dà il volto il borgo di Nepi, nella Tuscia: le scene iniziali sono infatti girate nella piazza del Comune, di cui si intravede il palazzo iniziato nel 1542 da Antonio da Sangallo il Giovane e terminato solo 200 anni dopo. La piazza è attraversata da una carrozza che sta accompagnando Gina (Marthe Keller), futura contessa Pietranera, in visita dalla cognata, la marchesa del Dongo (Lucia Bosè), la cui dimora è la Rocca Meli Lupi di Soragna (siamo nella provincia di Parma): se ne riconoscono i portici affrescati che accolgono la donna al suo arrivo e le sontuose sale interne. Il Castello di Grianta, dimora quattrocentesca dove alcuni anni dopo Fabrizio del Dongo (Andrea Occhipinti) viene richiamato dal padre dopo un periodo a Milano con gli zii, è Villa Melzi a Bellagio, sul lago di Como, già celebrata dallo stesso Stendhal, autore del libro omonimo da cui lo sceneggiato è tratto.

È Mantova a prestare i suoi palazzi alla pomposa vita di corte parmense. Gina teme per la vita di Fabrizio, fuggito a Waterloo per raggiungere le truppe napoleoniche, e chiede aiuto al conte Mosca (Gian Maria Volonté), suo futuro amante: il teatro Bibiena è lo sfarzoso sfondo dei loro incontri. La dimora di Gina, divenuta nel frattempo duchessa Sanseverina e trasferitasi a Parma è Palazzo d’Arco. Palazzo Ducale presta invece gli interni al castello di Ranuccio Ernesto IV, Principe di Parma: nella sala dei Fiumi, decorata nel periodo asburgico, ovvero tra il 1773 e il 1775, la ducessa assiste ad un concerto seduta accanto al principe. Una panoramica delle meravigliose sale del palazzo si può ammirare nell’episodio IV quando Gina si reca dal principe ad annunciare che lascia Parma perché offesa dalla condanna del nipote: la donna percorre prima la sala di Manto, coperta da un soffitto ligneo a cassettoni quadrati e decorata con pitture dedicate alle origini della città e alla celebrazione dei Gonzaga, e successivamente attraversa la galleria dei Marmi.

Nel III episodo, dopo 4 anni di studi a Napoli, Fabrizio entra a Parma come monsignore: la prima immagine della città è piazza Duomo, dominata dalla Cattedrale di Santa Maria Assunta e dal Battistero. Cavalcando, il giovane oltrepassa la Reggia di Colorno, ovvero gli esterni della residenza del principe (ma siamo almeno a 16 km a nord di Parma) per poi giungere alla dimora della zia Gina che abbiamo visto essere Palazzo d’Arco a Mantova, del quale Gina mostra a Fabrizio la biblioteca. Nella Torre Farnese, la terribile prigione dove Fabrizio viene rinchiuso e si innamora della giovane Clelia, si riconosce la quattrocentesca mole del Castello di Torrechiara, circa 20 km a sud-ovest di Parma, mentre gli esterni della villa sul lago di Como dove Fabrizio si nasconde con sua zia dopo l’evasione sono quelli neoclassici di Villa Trivulzio a Bellagio. La morte del principe porta ad un periodo di instabilità a Parma, col popolo che inneggia alla repubblica: la scena della rivolta è tuttavia girata in piazza Ducale a Sabbioneta (MN), circa 30 km a nord di Parma.

All'interno del Santuario della Beata Vergine delle Grazie di Curtatone sempre più fedeli assistono alle tristissime prediche di Fabrizio, che “commuovevano fino alle lacrime”. La Certosa di Parma che dà il titolo al romanzo, dove Fabrizio decide di ritirarsi, è infine l’Abbazia di Valserena.

I luoghi

Una folla festante accoglie i francesi nella Milano tardo settecentesca, a cui dà il volto il borgo di Nepi, nella Tuscia: le scene iniziali sono infatti girate nella piazza del Comune, di cui si intravede il palazzo iniziato nel 1542 da Antonio da Sangallo il Giovane e terminato solo 200 anni dopo. La piazza è attraversata da una carrozza che sta accompagnando Gina (Marthe Keller), futura contessa Pietranera, in visita dalla cognata, la marchesa del Dongo (Lucia Bosè), la cui dimora è la Rocca Meli Lupi di Soragna (siamo nella provincia di Parma): se ne riconoscono i portici affrescati che accolgono la donna al suo arrivo e le sontuose sale interne. Il Castello di Grianta, dimora quattrocentesca dove alcuni anni dopo Fabrizio del Dongo (Andrea Occhipinti) viene richiamato dal padre dopo un periodo a Milano con gli zii, è Villa Melzi a Bellagio, sul lago di Como, già celebrata dallo stesso Stendhal, autore del libro omonimo da cui lo sceneggiato è tratto.

È Mantova a prestare i suoi palazzi alla pomposa vita di corte parmense. Gina teme per la vita di Fabrizio, fuggito a Waterloo per raggiungere le truppe napoleoniche, e chiede aiuto al conte Mosca (Gian Maria Volonté), suo futuro amante: il teatro Bibiena è lo sfarzoso sfondo dei loro incontri. La dimora di Gina, divenuta nel frattempo duchessa Sanseverina e trasferitasi a Parma è Palazzo d’Arco. Palazzo Ducale presta invece gli interni al castello di Ranuccio Ernesto IV, Principe di Parma: nella sala dei Fiumi, decorata nel periodo asburgico, ovvero tra il 1773 e il 1775, la ducessa assiste ad un concerto seduta accanto al principe. Una panoramica delle meravigliose sale del palazzo si può ammirare nell’episodio IV quando Gina si reca dal principe ad annunciare che lascia Parma perché offesa dalla condanna del nipote: la donna percorre prima la sala di Manto, coperta da un soffitto ligneo a cassettoni quadrati e decorata con pitture dedicate alle origini della città e alla celebrazione dei Gonzaga, e successivamente attraversa la galleria dei Marmi.

Nel III episodo, dopo 4 anni di studi a Napoli, Fabrizio entra a Parma come monsignore: la prima immagine della città è piazza Duomo, dominata dalla Cattedrale di Santa Maria Assunta e dal Battistero. Cavalcando, il giovane oltrepassa la Reggia di Colorno, ovvero gli esterni della residenza del principe (ma siamo almeno a 16 km a nord di Parma) per poi giungere alla dimora della zia Gina che abbiamo visto essere Palazzo d’Arco a Mantova, del quale Gina mostra a Fabrizio la biblioteca. Nella Torre Farnese, la terribile prigione dove Fabrizio viene rinchiuso e si innamora della giovane Clelia, si riconosce la quattrocentesca mole del Castello di Torrechiara, circa 20 km a sud-ovest di Parma, mentre gli esterni della villa sul lago di Como dove Fabrizio si nasconde con sua zia dopo l’evasione sono quelli neoclassici di Villa Trivulzio a Bellagio. La morte del principe porta ad un periodo di instabilità a Parma, col popolo che inneggia alla repubblica: la scena della rivolta è tuttavia girata in piazza Ducale a Sabbioneta (MN), circa 30 km a nord di Parma.

All'interno del Santuario della Beata Vergine delle Grazie di Curtatone sempre più fedeli assistono alle tristissime prediche di Fabrizio, che “commuovevano fino alle lacrime”. La Certosa di Parma che dà il titolo al romanzo, dove Fabrizio decide di ritirarsi, è infine l’Abbazia di Valserena.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Serie tv – 6 episodi
Regia
Mauro Bolognini
Cast
Marthe Keller, Andrea Occhipinti, Gian Maria Volonté, Georges Wilson, Pascale Reynaud, Lucia Bosè, Nelly Borgeaud, Yann Babilée, Hans-Michael Rehberg, Heiner Lauterbach, Giancarlo Prati, Renato Scarpa, Antonello Fassari
Paese di produzione
Italia, Francia, Germania
Anno
1982
Anno di ambientazione
Prima metà dell'800
Produzione

Rai

Trama

Il giovane aristocratico Fabrizio del Dongo si unisce alle truppe di Napoleone e assiste alla disfatta di Waterloo. Al suo ritorno, accusato di tradimento, scappa a Napoli dove intraprende la carriera ecclesiastica e poi a Parma da sua zia Gina Sanseverina, innamorata di lui. Fabrizio invece ama Clelia Conti, figlia del responsabile della fortezza dove viene rinchiuso per omicidio.

Le location

Acquedotto di Nepi
Regione: Lazio Tipologia: Acquedotto Territorio: cittadina, pianura
Lago di Como
Regione: Lombardia Tipologia: Lago Territorio: collina, lago, montagna
Piazza Duomo – Parma
Regione: Emilia-Romagna Tipologia: Piazza Territorio: centro storico, cittadina, pianura
Reggia di Colorno
Regione: Emilia-Romagna Tipologia: Palazzo Territorio: borgo, campagna

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
007: Quantum of Solace (Game)
Azione / Sparatutto in prima persona
Casino Royale
Film azione, spionaggio
Regia: Martin Campbell
L'armata Brancaleone
Film commedia
Regia: Mario Monicelli
La Certosa di Parma
Minierie tv – 2 episodi
Regia: Cinzia Th. Torrini
La Compagnia del Cigno
Serie tv - 12 episodi
Regia: Ivan Cotroneo
La Parmigiana
Film commedia
Regia: Antonio Pietrangeli
Murder Mystery
Film commedia, azione
Regia: Kyle Newacheck
Prima della rivoluzione
Film drammatico
Regia: Bernardo Bertolucci
Rocco e i suoi fratelli
Film drammatico
Regia: Luchino Visconti

News correlate

Tutte le news