ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator Ossessione | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, Ossessione, Luchino Visconti, Emilia, Romagna, Ferrara, Po, Chiara Calamai, Massimo Girotti, castello estense, estense Castle, piazza della Repubblica, via Saraceno, ponte di San Giorgio, St. George bridge, Marche, Ancona, porto di Ancona, molo Santa Maria, Ancona's harbour, Santa Maria dock, San Ciriaco, scalone Nappi, Nappi stairs, Palazzo D’Avalos, neorealismo, neorealism, seconda guerra mondiale, wwII, bombardamenti, bombing

Ossessione

Genere

Film drammatico

Cast

Clara Calamai, Massimo Girotti, Juan de Landa, Elio Marcuzzo, Dhia Cristiani, Michele Riccardini, Vittorio Duse

Regia

Luchino Visconti

Ossessione

Genere

Film drammatico

Cast

Clara Calamai, Massimo Girotti, Juan de Landa, Elio Marcuzzo, Dhia Cristiani, Michele Riccardini, Vit

Regia

Luchino Visconti
Salva
Condividi

I luoghi

Tra i film che segnano la nascita del filone neorealista, molte delle location immortalate in Ossessione raccontano di una provincia dell’Italia centrale che non esiste più, tra la bassa Padana e il porto di Ancona, percorrendo un tratto del fiume Po al confine tra la Romagna e il Veneto. Le riprese, infatti, furono effettuate nel 1942-43 in piena seconda guerra mondiale, e molti dei palazzi che fanno da sfondo a questa drammatica storia sono andati distrutti durante i bombardamenti. La stessa trattoria dove Gino (Massimo Girotti) incontra per la prima volta Giovanna (Chiara Calamai), che si trovava lungo la SP 40, strada che costeggia il Po in provincia di Rovigo, nel territorio di Canaro, fu abbattuta pochi anni dopo il conflitto. Il Po è presente anche alla sua foce, nei set nei pressi di Comacchio e Codigoro.

La relazione clandestina fra Gino e Giovanna nell’abitazione dove la donna vive col marito Giuseppe sta stretta all’uomo che, al rifiuto di lei di fuggire insieme, parte per Ancona: ci arriva col treno e fa amicizia con “lo Spagnolo”, girovago con cui condividerà parte del viaggio. Una volta giunti in città, sarà il lancio di una moneta, lungo il cavalcavia della stazione ferroviaria, a decidere dove andranno: un’inquadratura mostra il porto con il molo Santa Maria e le banchine brulicanti e i due uomini intenti a scrutare l’orizzonte mentre, seduti su una balaustra, danno le spalle all’antistante Cattedrale di San Ciriaco in piazzale Duomo. Tempo dopo, Gino, che ha trovato lavoro alla Fiera di Maggio, rincontrerà Giuseppe e la moglie, venuti in città per un concorso canoro: mentre i tre stanno scendendo attraverso lo scalone Nappi, situato sotto la cattedrale nell’antico centro storico della cittadina marchigiana, Giuseppe comunica alla moglie Giovanna il desiderio di avere un figlio. Lo scalone è tutt’ora esistente, ma gran parte degli edifici esistenti ai tempi del film è andata distrutta: in particolare Palazzo D’Avalos, accanto alla Chiesa degli Scalzi in piazza del Senato, spazzato via dal bombardamento del 1° novembre 1943.

Qualche scena dopo siamo a Ferrara, dove ritroviamo Gino seduto su una panchina in piazza della Repubblica: nella stessa piazza si riconosce l’antica Chiesa di San Giuliano e, in un’altra inquadratura, il Castello Estense, che domina l’adiacente largo Castello. Giovanna attende Gino seduta ad un bar in via Saraceno mentre l’uomo entra nell’alloggio di Anita, una prostituta conosciuta poco prima. Tuttavia sbirciando dalla finestra scopre di essere braccato dalla polizia e con l’aiuto della ragazza riesce a fuggire, salendo al volo su un camion che attraversa il ponte di San Giorgio diretto fuori città.

I luoghi

Tra i film che segnano la nascita del filone neorealista, molte delle location immortalate in Ossessione raccontano di una provincia dell’Italia centrale che non esiste più, tra la bassa Padana e il porto di Ancona, percorrendo un tratto del fiume Po al confine tra la Romagna e il Veneto. Le riprese, infatti, furono effettuate nel 1942-43 in piena seconda guerra mondiale, e molti dei palazzi che fanno da sfondo a questa drammatica storia sono andati distrutti durante i bombardamenti. La stessa trattoria dove Gino (Massimo Girotti) incontra per la prima volta Giovanna (Chiara Calamai), che si trovava lungo la SP 40, strada che costeggia il Po in provincia di Rovigo, nel territorio di Canaro, fu abbattuta pochi anni dopo il conflitto. Il Po è presente anche alla sua foce, nei set nei pressi di Comacchio e Codigoro.

La relazione clandestina fra Gino e Giovanna nell’abitazione dove la donna vive col marito Giuseppe sta stretta all’uomo che, al rifiuto di lei di fuggire insieme, parte per Ancona: ci arriva col treno e fa amicizia con “lo Spagnolo”, girovago con cui condividerà parte del viaggio. Una volta giunti in città, sarà il lancio di una moneta, lungo il cavalcavia della stazione ferroviaria, a decidere dove andranno: un’inquadratura mostra il porto con il molo Santa Maria e le banchine brulicanti e i due uomini intenti a scrutare l’orizzonte mentre, seduti su una balaustra, danno le spalle all’antistante Cattedrale di San Ciriaco in piazzale Duomo. Tempo dopo, Gino, che ha trovato lavoro alla Fiera di Maggio, rincontrerà Giuseppe e la moglie, venuti in città per un concorso canoro: mentre i tre stanno scendendo attraverso lo scalone Nappi, situato sotto la cattedrale nell’antico centro storico della cittadina marchigiana, Giuseppe comunica alla moglie Giovanna il desiderio di avere un figlio. Lo scalone è tutt’ora esistente, ma gran parte degli edifici esistenti ai tempi del film è andata distrutta: in particolare Palazzo D’Avalos, accanto alla Chiesa degli Scalzi in piazza del Senato, spazzato via dal bombardamento del 1° novembre 1943.

Qualche scena dopo siamo a Ferrara, dove ritroviamo Gino seduto su una panchina in piazza della Repubblica: nella stessa piazza si riconosce l’antica Chiesa di San Giuliano e, in un’altra inquadratura, il Castello Estense, che domina l’adiacente largo Castello. Giovanna attende Gino seduta ad un bar in via Saraceno mentre l’uomo entra nell’alloggio di Anita, una prostituta conosciuta poco prima. Tuttavia sbirciando dalla finestra scopre di essere braccato dalla polizia e con l’aiuto della ragazza riesce a fuggire, salendo al volo su un camion che attraversa il ponte di San Giorgio diretto fuori città.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Film drammatico
Regia
Luchino Visconti
Cast
Clara Calamai, Massimo Girotti, Juan de Landa, Elio Marcuzzo, Dhia Cristiani, Michele Riccardini, Vittorio Duse
Paese di produzione
Italia
Anno
1943
Produzione

Industrie Cinematografiche Italiane S.A.

Trama

Gino, un vagabondo che vive di espedienti, si ferma presso un ristoro per viaggiatori della bassa Padana e diviene l’amante di Giovanna, moglie del proprietario dello spaccio, ma mal sopporta questa situazione.

Le location

Castello Estense – Ferrara
Regione: Emilia-Romagna Tipologia: Castello Territorio: centro storico
Fiume Po
Regione: Emilia-Romagna Tipologia: Fiume Territorio: città, paese, pianura
Porto di Ancona
Regione: Marche Tipologia: Porto Territorio: centro storico, mare
Valli di Comacchio e casoni da pesca
Regione: Emilia-Romagna Tipologia: Parchi naturali Territorio: campagna, mare, pianura
Ancona
Regione: Marche Tipologia: Città Territorio: centro storico, città, mare

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Caccia Tragica
Film drammatico
Regia: Giuseppe De Santis
Come il vento
Film drammatico
Regia: Marco Simon Puccioni
Il mestiere delle armi
Film storico
Regia: Ermanno Olmi
Il ritorno di don Camillo
Film commedia
Regia: Julien Duvivier
La leggenda di Bob Wind
Film drammatico
Regia: Dario Baldi
La Parmigiana
Film commedia
Regia: Antonio Pietrangeli
Lei mi parla ancora
Film drammatico
Regia: Pupi Avati
Maschi contro femmine
Film commedia
Regia: Fausto Brizzi
Niente può fermarci
Film commedia
Regia: Luigi Cecinelli
Non mentire
Serie tv – 6 episodi
Regia: Gianluca Maria Tavarelli
Paisà
Film drammatico
Regia: Roberto Rossellini
Si muore solo da vivi
Film commedia
Regia: Alberto Rizzi

News correlate

Tutte le news