ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator Mine vaganti | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, mine vaganti, Ferzan Ozpetek, film, Puglia, Salento, Alessandro Preziosi, Riccardo Scamarcio, Elena Sofia Ricci, Lunetta Savino, Ennio Fantastichini, Lecce, Gallipoli,Loose Cannons

Mine vaganti

Genere

Film commedia

Cast

Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Dario Bandiera, Ennio Fantastichini, Lunetta Savino, Elena Sofia Ricci, Ilaria Occhini, Bianca Nappi, Carolina Crescentini, Massimiliano Gallo, Paola Minaccioni, Giorgio Marchesi, Gea Martire, Giorgio Marchesi, Emanuela Gabrieli, Crescenza Guarnieri

Regia

Ferzan Ozpetek

Mine vaganti

Genere

Film commedia

Cast

Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Dario Bandiera, Ennio Fantastichini, Lunett

Regia

Ferzan Ozpetek
Salva
Condividi

I luoghi

“La terra non può volere male all’albero”


Una sposa solitaria e triste attraversa la campagna salentina nel prologo del film, tra muretti a secco e ulivi, accompagnata dal vento e dal rumore del mare che si intravede sullo sfondo: la sua destinazione è Masseria Cippano nell’agro di Otranto. La ritroveremo più avanti nei pressi dell’antica Porta Rudiae a Lecce.

Tommaso rientrato da Roma a Lecce, dove vive la sua ingombrante famiglia, ha alcune rivelazioni da fare. Gli interni della residenza di famiglia sono quelli di Villa Materdomini nei dintorni di Lecce, sulla strada verso Monteroni, dimora vuota completamente arredata dagli scenografi, mentre per gli esterni Ozpetek ha scelto la splendida terrazza con giardino pensile di Palazzo Marulli-Famularo in Via Paladini a Lecce. Alba vive sulla stessa via, in un’ala disabitata di Palazzo Tamborino-Cezzi.

Tante sono le scene girate tra le vie e le piazze barocche del capoluogo salentino. Piazzetta Carducci, dominata dal colonnato dell’ex Convitto Palmieri, fa da sfondo ad un incontro-scontro chiarificatore tra Tommaso e il fratello Antonio. A Piazza Sant’Oronzo Vincenzo e il figlio Tommaso si mostrano sorridenti tra la gente per non dare adito a chiacchiere. Durante la “scena delle risate” i due siedono al caffè Tito Schipa. Per la stessa ragione, nel vicino Corso Vittorio Emanuele, mamma Stefania e zia Luciana passeggiano tra i negozi dissimulando i loro presunti problemi.

Gli imprevisti non mancano e quando arrivano a Lecce gli amici di Tommaso il rischio è che salti il sottile equilibrio che si è creato in famiglia: i ragazzi approfittano della vicinanza al mare per trascorrere una giornata nello scenario di Punta della Suina, sulla litoranea di Gallipoli.

Poco distante da Lecce, in direzione Maglie, si trova il pastificio Tandoi di Corigliano d’Otranto, utilizzato come location per l'attività di famiglia. 

Nella toccante scena finale si realizza il desiderio della nonna di camminare per l’ultima volta per le strade che l’hanno accolta anni prima, vedere “le pietre gialle, tutta quella luce che ti toglie il respiro”: il corteo passa accanto a Palazzo dei Celestini, monumento barocco che forma un unico complesso con la Basilica di Santa Croce.

I luoghi

“La terra non può volere male all’albero”


Una sposa solitaria e triste attraversa la campagna salentina nel prologo del film, tra muretti a secco e ulivi, accompagnata dal vento e dal rumore del mare che si intravede sullo sfondo: la sua destinazione è Masseria Cippano nell’agro di Otranto. La ritroveremo più avanti nei pressi dell’antica Porta Rudiae a Lecce.

Tommaso rientrato da Roma a Lecce, dove vive la sua ingombrante famiglia, ha alcune rivelazioni da fare. Gli interni della residenza di famiglia sono quelli di Villa Materdomini nei dintorni di Lecce, sulla strada verso Monteroni, dimora vuota completamente arredata dagli scenografi, mentre per gli esterni Ozpetek ha scelto la splendida terrazza con giardino pensile di Palazzo Marulli-Famularo in Via Paladini a Lecce. Alba vive sulla stessa via, in un’ala disabitata di Palazzo Tamborino-Cezzi.

Tante sono le scene girate tra le vie e le piazze barocche del capoluogo salentino. Piazzetta Carducci, dominata dal colonnato dell’ex Convitto Palmieri, fa da sfondo ad un incontro-scontro chiarificatore tra Tommaso e il fratello Antonio. A Piazza Sant’Oronzo Vincenzo e il figlio Tommaso si mostrano sorridenti tra la gente per non dare adito a chiacchiere. Durante la “scena delle risate” i due siedono al caffè Tito Schipa. Per la stessa ragione, nel vicino Corso Vittorio Emanuele, mamma Stefania e zia Luciana passeggiano tra i negozi dissimulando i loro presunti problemi.

Gli imprevisti non mancano e quando arrivano a Lecce gli amici di Tommaso il rischio è che salti il sottile equilibrio che si è creato in famiglia: i ragazzi approfittano della vicinanza al mare per trascorrere una giornata nello scenario di Punta della Suina, sulla litoranea di Gallipoli.

Poco distante da Lecce, in direzione Maglie, si trova il pastificio Tandoi di Corigliano d’Otranto, utilizzato come location per l'attività di famiglia. 

Nella toccante scena finale si realizza il desiderio della nonna di camminare per l’ultima volta per le strade che l’hanno accolta anni prima, vedere “le pietre gialle, tutta quella luce che ti toglie il respiro”: il corteo passa accanto a Palazzo dei Celestini, monumento barocco che forma un unico complesso con la Basilica di Santa Croce.

Enogastronomia

I pasti sono cruciali nello svolgersi della trama di Mine Vaganti. Per fare bella figura con gli amici di Tommaso, il padre Vincenzo ordina un vassoio di pasticciotti, dolci tipici salentini composti da un guscio di pasta frolla e un cuore di crema pasticciera.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Film commedia
Regia
Ferzan Ozpetek
Cast
Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Dario Bandiera, Ennio Fantastichini, Lunetta Savino, Elena Sofia Ricci, Ilaria Occhini, Bianca Nappi, Carolina Crescentini, Massimiliano Gallo, Paola Minaccioni, Giorgio Marchesi, Gea Martire, Giorgio Marchesi, Emanuela Gabrieli, Crescenza Guarnieri
Paese di produzione
Italia
Anno
2010
Produzione

Fandango, Rai Cinema

Premi
David di Donatello 2010: Migliore attrice non protagonista a Ilaria Occhini — Migliore attore non protagonista a Ennio Fantastichini / Nastro d'argento 2010: Miglior commedia a Ferzan Özpetek — Miglior attore non protagonista a Ennio Fantastichini — Miglior attrice non protagonista a Elena Sofia Ricci e Lunetta Savino —Miglior fotografia a Maurizio Calvesi — Miglior canzone originale (Sogno) a Patty Pravo / Ciak d'oro 2010: Miglior film a Ferzan Özpetek — Migliore attore protagonista a Riccardo Scamarcio — Migliore attrice non protagonista a Elena Sofia Ricci — Migliore attore non protagonista a Ennio Fantastichini / Tribeca Film Festival 2010: Premio Speciale della Giuria a Ferzan Özpetek
Trama

La famiglia Cantone, proprietaria di un importante pastificio in Puglia, è in trepidazione per il ritorno del figlio Tommaso, destinato ad affiancare il fratello Antonio nell'attività familiare. Ma ognuno dovrà fare i conti con se stesso, con le inclinazioni personali e con quello che il destino deciderà.

Le location

Corigliano d'Otranto
Regione: Puglia Tipologia: Borgo storico Territorio: centro storico, paese, pianura
Gallipoli
Regione: Puglia Tipologia: Paese Territorio: borgo, centro storico, cittadina, mare, paese
Lecce
Regione: Puglia Tipologia: Città Territorio: centro storico, pianura
Otranto
Regione: Puglia Tipologia: Paese Territorio: centro storico, cittadina, collina, mare, paese

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Allacciate le cinture
Film drammatico
Regia: Ferzan Ozpetek
Fino all'ultimo battito
Serie tv – 12 episodi
Regia: Cinzia Th. Torrini
Odio l'estate
Film commedia
Regia: Massimo Venier
Si vive una volta sola
Film commedia
Regia: Carlo Verdone

News correlate

Tutte le news