Le amiche geniali di Luchetti, tra ... | Italy for Movies
My Brilliant Friend,  new tv serie My Brilliant Friend, Daniele Luchetti’s My Brilliant Friend, Elena ferrante tv serie, location Daniele Luchetti’s My Brilliant Friend 3, location Daniele Luchetti’s My Brilliant Friend, italy for movies, Daniele Luchetti’s My Brilliant Friend, italyformovies
Condividi

Le amiche geniali di Luchetti, tra conflitti e rivoluzioni nell'Italia Anni'70

27-01-2022

Arriva sugli schermi (dal 6 febbraio in quattro serate su Rai1) la terza stagione della serie tratta dai bestseller di Elena Ferrante, con la regia, questa volta, di Daniele Luchetti che succede a Saverio Costanzo, che ne continua a firmare la sceneggiatura insieme a Francesco Piccolo, Laura Paolucci e la stessa, misteriosa, autrice Elena Ferrante.

Tratto dal terzo libro della scrittrice, L'amica geniale- Storia di chi fugge e di chi resta  racconta, appunto, la ‘storia di chi fugge’, Elena, e quella ‘di chi resta’, Lila. Le due amiche geniali sono diventate adulte: Lila si è sposata a sedici anni, ha un figlio piccolo, ha lasciato il marito e l’agiatezza, lavora come operaia in condizioni durissime; Elena è andata via dal rione, ha studiato alla Normale di Pisa e ha pubblicato un romanzo di successo che le ha aperto le porte di un mondo benestante e colto. Ambedue hanno provato a forzare le barriere che le volevano chiuse in un destino di miseria, ignoranza e sottomissione. "Ho vissuto in una famiglia dove le donne non avevano potuto studiare – racconta Luchetti - Lila e la sua rabbia la conoscevo bene perché era la stessa che aveva avuto mia madre che quando portavo a casa dall'università ragazze che studiavano le guardava con ammirazione e rabbia".

Immutate le due attrici principali, Gaia Girace (Lila) e Margherita Mazzucco (Elena), che si muovono questa volta sullo sfondo degli Anni ’70, in uno scenario di grande cambiamento e rivoluzione dei costumi, di speranze e incertezze, di tensioni e sfide. Rispetto al particolare periodo storico Luchetti sottolinea che il suo intento è stato quello di raccontare in modo veritiero e interessante il tentativo di liberazione delle donne di quell'epoca: "A me quegli anni sembravano vicini per ragioni anagrafiche, ma non è stato lo stesso per gli attori, a cui ho dovuto spiegare un periodo che non conoscevano. Ho detto loro come si parla quando si parla di ideologia; come si pronuncia un discorso politico senza diventare ridicoli; come si fa a far credere al pubblico che i personaggi stiano vivendo uno smottamento culturale che è partito dai convenzionali Anni '60 e che ha portato ad un nuovo modo di vedere le cose”.

La nuova stagione è stata girata tra i consueti rioni e le piazze di Napoli, già protagonisti delle prime due stagioni (piazza Dante, Piazza del Gesù, i dintorni di Port’Alba, solo per citarne alcuni), nel centro storico di Caserta, a Torre Annunziata Santa Maria Capua Vetere. Ma si è spostata anche a Torino, principalmente presso le due sedi dell'Università in via Pietro Giuria e a Palazzo Campana, dove è stato ricostruito il clima di protesta e lotta studentesca di quegli anni; a Firenze, con riprese in Piazza del Duomo, in Piazza SS Annunziata, e nella Sala Rossa di Palazzo Vecchio, durante il giorno del matrimonio di Elena; sul celebre lungomare di Viareggio, trasformato con vetture di epoche e comparse nella passeggiata di una giornata d'estate degli anni Settanta; e, sempre a Viareggio, al Bagno Raffaella, fedelmente ricostruito come uno stabilimento balneare della Versilia dell'epoca, con ombrelloni e sdraio in stile, varie comparse con zoccoli e costumi dell'epoca, un bar con tanto di telefono a gettoni e jukebox. Per fare anche una breve parentesi di set a Milano, nella centrale Galleria Vittorio Emanuele II e nella vicina zona Duomo. 

Scopri di più sulle location nella SCHEDA sul nosto sito. 

 

(Carmen Diotaiuti)

News correlate

Tutte le news