ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator Romulus | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, romulus, serie tv, sky, Parco archeologico di Vulci, Vilci, tumulo della cuccumella, lago del pellicone, viterbo, Solfatara di Pomezia, pontina, guidonia, cave, colle largo, affile, grotta del pertuso, grotte di pastena, roiate, Lazio, Italy for Movies

Romulus

Genere

Serie TV - 2 stagioni

Cast

Andrea Arcangeli, Marianna Fontana, Francesco Di Napoli, Valentina Bellè, Emanuele Maria Di Stefano, Max Malatesta, Ludovica Nasti

Regia

Matteo Rovere, Michele Alhaique, Enrico Maria Artale, Francesca Mazzoleni

Romulus

Genere

Serie TV - 2 stagioni

Cast

Andrea Arcangeli, Marianna Fontana, Francesco Di Napoli, Valentina Bellè, Emanuele Maria Di Stefano,

Regia

Matteo Rovere, Michele Alhaique, Enrico Maria Artale, Francesca Mazzoleni
Salva
Condividi

I luoghi

La serie Romulus, interamente girata in protolatino, percorre il viaggio che ha portato alla genesi della leggenda di Romolo e Remo e della nascita di Roma, ricostruendo meticolosamente e storicamente l’ambientazione laziale dell’VIII secolo a.C. Le storie di tre giovani, Yemos (Andrea Arcangeli), Wiros (Francesco di Napoli) e la vestale Ilia (Marianna Fontana), si snodano in questo mondo primitivo, brutale e fortemente legato al misticismo. Per ricrearlo sono state scelte numerose location esterne, comprendendo anche fiumi, paludi e boschi, tra diversi luoghi incontaminati del territorio laziale.

Le riprese hanno interessato l’intero Parco archeologico di Vulci, l’antica città etrusca nei territori di Canino e Montalto di Castro, in provincia di Viterbo. In particolare, la troupe ha potuto girare, tornando indietro nel tempo, presso il tumulo della Cuccumella, un monumento funerario etrusco risalente al VII-VI secolo, e al laghetto del Pellicone, un canyon formato da roccia vulcanica scolpita dalle acque del fiume Fiora. La produzione inoltre ha ricreato le capanne di terra e di argilla della tribù di Gabi presso la Solfatara di Pomezia e ricostruito la città di Alba Longa lungo la Pontina.

Le ultime scene della prima stagione, che vedono Ilia rinascere alla ricerca di vendetta per la morte del fratello, sono state girate all’interno della grotta dell’Arco a Bellagra, che nella finzione è anche il luogo in cui vive il sacerdote di Marte. La grotta conserva, insieme a stalattiti e stalagmiti, delle pitture preistoriche rupestri ritraenti figure antropomorfe. Alcune scene sono state girate anche presso la grotta del Pertuso ad Affile (RM) e nelle cavità naturali di Pastena (FR) e Roiate (RM).

Per la seconda stagione, invece, la produzione ha scelto l’ex cava di Colle Largo, lungo la via Romana a Guidonia, per ambientare la nuova città fondata da Yemos e Wiros, consacrata alla divinità di Rumina. Ma la futura Roma, basata sull’accoglienza e la libertà, non può che scatenare la rivalità con il re dei Sabini, in lotta per la propria affermazione.

I luoghi

La serie Romulus, interamente girata in protolatino, percorre il viaggio che ha portato alla genesi della leggenda di Romolo e Remo e della nascita di Roma, ricostruendo meticolosamente e storicamente l’ambientazione laziale dell’VIII secolo a.C. Le storie di tre giovani, Yemos (Andrea Arcangeli), Wiros (Francesco di Napoli) e la vestale Ilia (Marianna Fontana), si snodano in questo mondo primitivo, brutale e fortemente legato al misticismo. Per ricrearlo sono state scelte numerose location esterne, comprendendo anche fiumi, paludi e boschi, tra diversi luoghi incontaminati del territorio laziale.

Le riprese hanno interessato l’intero Parco archeologico di Vulci, l’antica città etrusca nei territori di Canino e Montalto di Castro, in provincia di Viterbo. In particolare, la troupe ha potuto girare, tornando indietro nel tempo, presso il tumulo della Cuccumella, un monumento funerario etrusco risalente al VII-VI secolo, e al laghetto del Pellicone, un canyon formato da roccia vulcanica scolpita dalle acque del fiume Fiora. La produzione inoltre ha ricreato le capanne di terra e di argilla della tribù di Gabi presso la Solfatara di Pomezia e ricostruito la città di Alba Longa lungo la Pontina.

Le ultime scene della prima stagione, che vedono Ilia rinascere alla ricerca di vendetta per la morte del fratello, sono state girate all’interno della grotta dell’Arco a Bellagra, che nella finzione è anche il luogo in cui vive il sacerdote di Marte. La grotta conserva, insieme a stalattiti e stalagmiti, delle pitture preistoriche rupestri ritraenti figure antropomorfe. Alcune scene sono state girate anche presso la grotta del Pertuso ad Affile (RM) e nelle cavità naturali di Pastena (FR) e Roiate (RM).

Per la seconda stagione, invece, la produzione ha scelto l’ex cava di Colle Largo, lungo la via Romana a Guidonia, per ambientare la nuova città fondata da Yemos e Wiros, consacrata alla divinità di Rumina. Ma la futura Roma, basata sull’accoglienza e la libertà, non può che scatenare la rivalità con il re dei Sabini, in lotta per la propria affermazione.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Serie TV - 2 stagioni
Regia
Matteo Rovere, Michele Alhaique, Enrico Maria Artale, Francesca Mazzoleni
Cast
Andrea Arcangeli, Marianna Fontana, Francesco Di Napoli, Valentina Bellè, Emanuele Maria Di Stefano, Max Malatesta, Ludovica Nasti
Paese di produzione
Italia
Anno
2020 - in corso
Anno di ambientazione
VIII secolo a.C.
Produzione

Sky Studios, Cattleya, Groenlandia, ITV Studios

Trama

Yemos, Wiros, Ilia, il gruppo di Ruminales e i cittadini di Alba a loro fedeli si sono insediati in quella che un tempo era Velia, consacrandola regno libero e indipendente e dandole il nome di Roma. È per questo che Tito Tazio, giovanissimo re dei Sabini, temendo l'espansione del regno oltre i confini, invita i due re per un rito che si rivelerà un'imboscata volta alla sottomissione. In questa terra inospitale, Yemos e Wiros strapperanno al re le sacerdotesse Sabine, a lui molto care. Quando i Sabini invadono il Lazio per reclamare le donne, Yemos e Wiros restano fermi sulle loro posizioni ma di fronte a guerra e distruzione il loro sodalizio inizia a mostrare i segni di una crisi imminente, perché a Roma può esserci un solo re. Chi prenderà il nome di Romulus?

Le location

Affile
Regione: Lazio Tipologia: Borgo storico Territorio: borgo
Grotte dell'Arco – Bellegra
Regione: Lazio Tipologia: Grotta Territorio: campagna
Lago del Pellicone
Regione: Lazio Tipologia: Lago Territorio:

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Il nome della rosa (serie tv)
Serie tv – 8 episodi
Regia: Giacomo Battiato
Non ci resta che piangere
Film commedia
Regia: Massimo Troisi, Roberto Benigni

News correlate

Tutte le news