“La prima regola”: a Bari le ri... | Italy for Movies
La prima regola, Bari, Massimiliano D'Epiro, La classe, Vincenzo Manna, ndrea Fuorto, Antonia Fotaras, Haroun Fall, Ileana D’Ambra, Luca Chikovani, Cecilia Montaruli, Fabrizio Ferracane, Marius Bizau, Darko Peric, Dinamo Film, Goldenart Production, Rai Cinema, Notorious Pictures, Apulia Film Commission, Apulia Film Fund,  Apulia Development Film Fund, Apulia Film Forum, Regione Puglia, Puglia, Apulia,
Condividi

“La prima regola”: a Bari le riprese del film di Massimiliano D’Epiro

16-11-2021

Sono iniziate a Bari le riprese del film La prima regola di Massimiliano D’Epiro tratto dalla pièce teatrale La classe di Vincenzo Manna che firma assieme al regista la versione cinematografica. Nel cast i giovani attori Andrea Fuorto, Antonia Fotaras, Haroun Fall, Ileana D’Ambra, Luca Chikovani e Cecilia Montaruli, protagonisti insieme a Fabrizio Ferracane, Marius Bizau e Darko Peric.

Il film è prodotto da Dinamo Film, Goldenart Production con Rai Cinema in associazione con Notorious Pictures, con il contributo di Apulia Film Commission e Regione Puglia a valere su risorse del POR Puglia FESR-FSE 2014/2020 ed è stato sviluppato grazie a Apulia Development Film Fund e l’Apulia Film Forum per la fase di produzione. Sarà in sala nel 2022 con Notorious Pictures.

La prima regola è quasi interamente ambientato all’interno di un istituto scolastico nel cuore di Bari, un “non-luogo” che potrebbe trovarsi ovunque nel mondo, dove la crisi economica e sociale in atto è aggravata dai costanti flussi migratori. Un dramma a sfondo sociale che riflette sul ruolo dei ragazzi, sull’importanza della Storia e dell’integrazione.

In questa scuola superiore di periferia, ogni pomeriggio un professore tiene un corso di recupero per sei studenti sospesi per motivi disciplinari e, superata l'ostilità e la diffidenza iniziali, riesce a conquistarli e ad ottenere risultati sorprendenti.

A pochi metri dalla scuola, tra le case del quartiere, si trova lo "Zoo", uno centro di assistenza ai migranti diventato con gli anni un campo profughi permanente. Quando scoppiano gli scontri tra popolazione e migranti, la situazione sfugge rapidamente di mano. La città viene invasa dai militari, dai giornalisti, dai manifestanti. La tensione cresce. Vengono fuori tutte le contraddizioni di una società abbandonata a se stessa. In questo quadro desolante i conflitti che covano nella scuola e negli animi degli studenti esplodono tragicamente.

(Mo.Sa)

News correlate

Tutte le news