ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator La legge è legge | Italy for Movies
cineturismo, location, cinema, turismo, film tourism, movie tour, La legge è legge, Totò, Fernandel, The Law is the Law, Venafro, Piazza Vittorio Veneto, Auberge des deux frontieres, Palazzo Del Prete di Belmonte, frontiera, French-Italian, Molise

La legge è legge

Genere

Film commedia

Cast

Totò, Fernandel, Nino Besozzi, Leda Gloria, Noël Roquevert

Regia

Christian-Jaque

La legge è legge

Genere

Film commedia

Cast

Totò, Fernandel, Nino Besozzi, Leda Gloria, Noël Roquevert

Regia

Christian-Jaque
Salva
Condividi

I luoghi

Le vicende che vedono come protagonisti Totò e Fernandel si svolgono ad Assola, immaginario paesino sulle Alpi Marittine, diviso in due dalla frontiera italo-francese. Siamo tuttavia molto lontani dalla Francia, ovvero a Venafro, comune molisano della provincia di Isernia. Tante le vie e piazze coinvolte nelle riprese. In piazza Vittorio Veneto si trova l’Auberge des deux frontieres, ovvero l’albergo dove è nato Ferdinand e che ha creato un problema di nazionalità per il doganiere francese perché diviso in due dalla frontiera. La “mairie”, ovvero il municipio della parte francese di Assola, dove Ferdinand corre a richiedere il certificato di nascita che dimostri che è cittadino francese, è Palazzo Del Prete di Belmonte. Il Municipio della parte italiana della cittadina, dove il doganiere richiede i documenti che attestino la cittadinanza italiana è proprio il Palazzo Comunale di Venafro. L’ingresso ad Assola, testimoniato da un cartello visibile nelle scene iniziali del film, quando Ferdinand ha appena arrestato Giuseppe La Paglia, si trova nell’attuale via delle Tre Cappelle.

I luoghi

Le vicende che vedono come protagonisti Totò e Fernandel si svolgono ad Assola, immaginario paesino sulle Alpi Marittine, diviso in due dalla frontiera italo-francese. Siamo tuttavia molto lontani dalla Francia, ovvero a Venafro, comune molisano della provincia di Isernia. Tante le vie e piazze coinvolte nelle riprese. In piazza Vittorio Veneto si trova l’Auberge des deux frontieres, ovvero l’albergo dove è nato Ferdinand e che ha creato un problema di nazionalità per il doganiere francese perché diviso in due dalla frontiera. La “mairie”, ovvero il municipio della parte francese di Assola, dove Ferdinand corre a richiedere il certificato di nascita che dimostri che è cittadino francese, è Palazzo Del Prete di Belmonte. Il Municipio della parte italiana della cittadina, dove il doganiere richiede i documenti che attestino la cittadinanza italiana è proprio il Palazzo Comunale di Venafro. L’ingresso ad Assola, testimoniato da un cartello visibile nelle scene iniziali del film, quando Ferdinand ha appena arrestato Giuseppe La Paglia, si trova nell’attuale via delle Tre Cappelle.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Film commedia
Regia
Christian-Jaque
Cast
Totò, Fernandel, Nino Besozzi, Leda Gloria, Noël Roquevert
Paese di produzione
Francia, Italia
Anno
1957-1958
Produzione

Les Films Ariane, Filmsonor, France Cinéma Productions, Vides France

Trama

Il contrabbandiere napoletano Giuseppe La Paglia ed il doganiere francese Ferdinand Pastorelli vivono ad Assola, paesino diviso a metà dal confine italo-francese. Quando Ferdinand arresta Giuseppe, questi scopre che Ferdinand è nato da padre ignoto e madre italiana in territorio italiano, per cui seppur registrato al ministero francese, il doganiere non ha diritto ad esercitare la professione.

Le location

Venafro
Regione: Molise Tipologia: Paese Territorio: borgo, centro storico, montagna, paese

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Continuavano a chiamarlo Trinità
Film western
Regia: E.B. Clucher (Enzo Barboni)