Condividi

Il Museo del cinema di Torino si rinnova ancora

05-10-2021

Un logo rinnovato, due sale dedicate alle realtà virtuale, un progetto di introdurre il gaming, forse il prossimo anno e, ora, l’inizio dei lavori per la ristrutturazione del piano zero, con una nuova illuminazione ed un nuovo percorso espositivo. Sono queste le novità che riguardano il Museo del Cinema di Torino.

Il nuovo percorso espositivo precede un filmato iniziale dedicato a Maria Adriana Prolo, fondatrice del Museo, e Alessandro Antonelli, a cui si deve la Mole che lo ospita, sul rapporto tra cinema e architettura. La caffetteria di fine percorso, sempre al piano zero, sarà invece sostituita da un piccolo punto di ristoro e uno nuovo spazio espositivo dedicato alle mostre contemporanee.

A metà dicembre, infatti, una mostra sarà dedicata a Diabolik, in occasione dell’anteprima al Massimo del film dei Manetti Bros con Luca Marinelli, nei panni del celebre ladro, Miriam Leone e Valerio Mastandrea. Saranno esposte le foto di scena del film, alcune tavole del fumetto, oggetti, cimeli, e foto d’archivio del film del ’68 di Mario Bava, di quello mai realizzato da Seth Holt nel ’67.

Il museo e il suo cinema ospitano anche, in questi giorni, le iniziative di CinemAmbiente, festival organizzato da Associazione CinemAmbiente in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, che lo ha fondato nel 1998.

Il 12 ottobre l’Aula del Tempo ospiterà Paola Minaccioni per una masterclass legata alla mostra Photocall; il 13 ottobre il Massimo proietterà La moglie di Claudio, film del 1918 di Gero Zambuto restaurato dal laboratorio del Museo e musicato dal vivo da Vinicio Capossela.

Tra i festival in programma, in attesa della 39^ edizione del Torino Film Festival che si terrà a fine novembre, il ViewFest, l'Ocean Film Festival e il Tohorror Fantastic Film Fest.

News correlate

Tutte le news