ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator Roma set di Dostoevskij la prima se... | Italy for Movies
Dostoevskij, serie tv, Sky, Paco Cinematografica, in-house production, Filippo Simi, D'Innocenzo, Enzo Vitello, Italy for Movies
Condividi

Roma set di Dostoevskij la prima serie tv dei fratelli D’Innocenzo

05-10-2022

Iniziate a Roma le riprese di Dostoevskij, in-house production Sky Studios prodotta con Paco Cinematografica diretta e sceneggiata dai fratelli D’Innocenzo, alla loro prima esperienza con la serialità televisiva.

La serie, in sei episodi, avrà come protagonista Filippo Timi nei panni di Enzo Vitello, un brillante detective dal passato doloroso, che sarà affiancato da Gabriel Montesi, Carlotta Gamba e Federico Vanni.

Così descrivono la loro opera Damiano e Fabio D'Innocenzo: “Dostoevskij è la storia di un uomo, di un poliziotto, di un fantasma, di un inverno, di una figlia, di un amico, della fine di un amico, di un fiume, di un assassino, di un pesce splendente, di una mano rotta, di una figlia abbandonata, di una colonscopia, di un caricabatterie, di un collega più bravo, di un orfano, di un orfanotrofio, di una gravidanza, di una figlia persa, di un collega più giovane, di un occhio lavato dentro un lavandino, di una malattia. Dostoevskij è la battaglia decisiva tra tutti questi elementi del mondo”.

Dostoevskij segue le indagini di un poliziotto dal passato guasto e dal futuro inevitabile, Enzo Vitello, che si trova a indagare sulla scia di sangue di uno spietato omicida seriale, soprannominato Dostoevskij a causa delle lettere piene di dettagli macabri che lascia sulle scene del crimine. Ossessionato dalle parole del killer, il poliziotto arriva al punto di intraprendere una pericolosa indagine in solitaria, avvicinandosi sempre di più all'inquietante verità. Un poliziotto e un assassino, entrambi intangibili, sfuggenti, entrambi fantasmi, che procedono al buio nel buio della coscienza, che si danno la caccia ma anche una carezza, sviscerando assieme una solitudine che tutto assorbe e tutto ingloba. Dostoevskij segue l’indagine più complessa di tutte: il vero crimine è vivere?

Le riprese continueranno tra Roma e dintorni fino a fine inverno.

(Mo.Sa.)

News correlate

Tutte le news