ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator ‘Alamut by Laibach’ si aggiudic... | Italy for Movies
Premio di cosviluppo, Stati Baltici, Italia, Estonia, Lituania, Lettonia, coproduzione, cosviluppo, Alamut by Laibach, Saso Podgorsek, Italy for Movies, bandi di cosviluppo, Direzione Generale Cinema, DGCA, audiovisivo, Italy for Movies
Condividi

‘Alamut by Laibach’ si aggiudica il premio di cosviluppo Italia-Stati Baltici

23-02-2022

Alamut by Laibach di Saso Podgorsek si aggiudica la IV edizione del Premio per lo sviluppo di progetti in coproduzione tra l’Italia e gli Stati Baltici e riceve un contributo pari a 15mila euro. Il film è coprodotto per il 60% da Transmedia Srl (Italia), per il 20% da VFS Films (Lettonia) e per il restante 20% da Tramal Films (Slovenia).

Il Premio, che nasce da un accordo siglato tra l’Italia e gli Stati Baltici nel novembre 2018, assegna un finanziamento per progetti di sviluppo di film di lungometraggio in coproduzione tra l'Italia e gli Stati Baltici (Lettonia, Estonia, Lituania). Il budget complessivo è di 30mila euro, di cui 15mila assegnati dall’Italia, per opere che prevedano almeno un produttore con sede legale in Italia e un produttore con sede legale in uno degli Stati Baltici (Estonia, Lituania, Lettonia). È ammissibile la partecipazione di paesi terzi purché in quota minoritaria rispetto alla partecipazione di Italia e Stati Baltici.

La richiesta di contributo è presentata dal coproduttore maggioritario all'Istituzione del paese dove è fisicamente residente. In caso di coproduzione paritaria e qualora i diritti di elaborazione a carattere creativo sui materiali artistici siano stati ceduti a entrambi i coproduttori, la richiesta è presentata alla Direzione generale cinema e audiovisivo nel caso in cui il regista sia residente in Italia oppure, qualora il regista non fosse stato designato dai coproduttori, nel caso in cui l'autore della sceneggiatura è residente in Italia.

Gli apporti minimi del co-produttore italiano e del co-produttore baltico, incluso il contributo diretto e quello derivante da altre fonti, non possono comunque essere inferiori, per ciascuno, al 20% del costo di sviluppo.

In caso di co-sviluppo multilaterale (con la partecipazione di uno o più Stati Baltici o di altro paese), l'apporto minimo del coproduttore minoritario non può scendere al di sotto del 10%.

(Mo.Sa)