Neve e sangue: ciak sui monti Sibil... | Italy for Movies
Neve e sangue, Giorgio Cingolani, Regione Marche, Bando Filiera Cineaudiovisiva, Marche Film Commission, Fondazione Marche Cultura, Marche, Visso, Ussita, Castel Sant’Angelo sul Nera, Monti Sibillini, terremoto del 2016,
Condividi

Neve e sangue: ciak sui monti Sibillini per l’opera prima di Giorgio Cingolani

12-01-2022

Sono partite le riprese di Neve e Sangue opera prima del regista e antropologo recanatese Giorgio Cingolani. Il film, prodotto da Arbash, ha ricevuto il sostegno della Regione Marche attraverso il Bando Filiera Cineaudiovisiva – Fondi POR FESR 2014-2020, e di Marche Film Commission – Fondazione Marche Cultura.

Il film avrà un taglio documentaristico, con attori scelti tra gli abitanti delle zone terremotate, e sarà girato interamente nelle Marche, tra Visso, Ussita e Castel Sant’Angelo sul Nera, e sulle montagne limitrofe, tra boschi e sentieri innevati. L’opera si basa infatti su una storia vera e affronta sia il tema del terremoto e della mancata ricostruzione, che costringe ancora oggi la gente a vivere nelle casette prefabbricate, mentre i paesi sono avvolti dalle macerie, che quello dello spopolamento delle montagne, che rischiano di desertificare, sia fisicamente che culturalmente, interi territori del nostro paese.

Una storia che racconta la solitudine, ma anche la caparbia resistenza, di Giuseppe e Sofia, un vecchio allevatore e una giovane donna, che si ostinano a rimanere tra le montagne dove sono nati, per non perdere la speranza e dare un senso alle proprie vite.

Le vicende si svolgono in un paese alle pendici dei monti Sibillini a due anni da una terribile serie di eventi sismici che ha distrutto gran parte dei paesi del territorio montano. Qui l’anziano allevatore Giuseppe, ormai ottantenne, vive isolato in una vecchia casa colonica e si appresta ad affrontare l’arrivo di un nuovo inverno in condizioni precarie con i suoi animali. Le circostanze avverse, la ricostruzione che tarda a iniziare, la latitanza della politica nel dare risposte agli allevatori rimasti senza stalle e la prospettiva di dover resistere all’ennesimo rigido inverno, obbligano Giuseppe a valutare una scelta dolorosa: per permettere ai suoi animali di sopravvivere, potrebbe scendere a patti con Alfredo Moretti, ricco sindaco e imprenditore del paese, che vorrebbe acquistare la sua proprietà per sviluppare un grande progetto speculativo nel tentativo di risollevare l’economia del territorio.

Giuseppe è sul punto di cedere quando il destino lo chiama a confrontarsi con una realtà drammatica che lo convince a resistere ancora. Perché anche quando il destino sembra scritto, si può scegliere da che parte stare e cambiare il corso degli eventi.

“Dopo più di due anni di attesa, dovuta alla situazione legata alla pandemia globale che tanti problemi ha dato a tutto il settore cinematografico – dichiara il regista Giorgio Cingolani – finalmente ci apprestiamo a iniziare le riprese del film Neve e sangue. Il film, che è ambientato nei paesi colpiti dall’evento sismico del 2016, vedrà ergersi a protagonista anche la natura maestosa dei monti Sibillini. Il terremoto diventa così metafora di un mondo che sembra andare in pezzi e di come si può restare ancorati ad un senso di umanità nonostante tutto e dove ci si salva solo insieme e grazie agli altri e mai da soli“.

 (Mo.Sa)

News correlate

Tutte le news