ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Generator “L’uomo sulla strada” di Gian... | Italy for Movies
uomo sulla strada, Alice nella città, Festa del Cinema, Roma, Torino, Piemonte, Film commission, Gianluca Mangiasciutti, Aurora Giovinazzo, Lorenzo Richelmy, Eagle Pictures, giardino roccioso, parco del Valentino, piazza Carignano, strada dei Colli Superga, Docks Dora, Palazzo del Nuoto, Piscina Vigone, International Training Centre of the ILO, Piedmont, lago di Candia, Settimo Torinese, Givoletto, Pino Torinese, Settimo Vittone, Volpiano, Italy for Movies
Condividi

“L’uomo sulla strada” di Gianluca Mangiasciutti porta il Piemonte ad Alice nella Città

12-10-2022

Sarà presentato in anteprima mondiale sabato 15 ottobre nella sezione Panorama Italia di Alice nella Città, il thriller L’uomo sulla strada di Gianluca Mangiasciutti.

Nel cast Aurora Giovinazzo e Lorenzo Richelmy a cui si affiancano Astrid Casali, Eugenio Gradabosco, Marit Nissen, Jozef Gjura ed Elisa Lucarelli. Il soggetto nel 2010 si è aggiudicato il Premio Solinas – Storie per il cinema, la sceneggiatura è di Serena Cervoni e Mariano Di Nardo.

Le riprese di L’uomo sulla strada, prodotto da Roberto Proia per Eagle Pictures, che lo distribuirà al cinema a partire dal novembre 2022, si sono svolte per 5 settimane anche in Piemonte con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte e il patrocinio della Città di Torino.

Tra le varie location utilizzate per le riprese in città si segnalano il giardino roccioso parco del Valentino, piazza Carignano, strada dei Colli Superga, i Docks Dora, Palazzo del Nuoto Piscina Vigone e l’International Training Centre of the ILO. La troupe si è poi spostata in altre località del Piemonte, tra cui il lago di Candia, Settimo Torinese, Givoletto, Pino Torinese, Settimo Vittone e Volpiano.

Un importante numero di professionisti e maestranze piemontesi (circa il 90% dell’intera troupe) ha fatto parte del cast tecnico, tra questi il Direttore di produzione Mara Cereda, la location manager Emanuela Minoli, l’Ispettore di produzione Luca Galzignato e la Scenografa Francesca Bocca.

Irene ha 8 anni quando assiste come unica testimone alla morte del padre per mano di un pirata della strada che scappa via. Perseguitata dal senso di colpa per non riuscire a ricordare il volto dell’assassino, Irene diventa una adolescente ribelle e introversa con l'unica ossessione di farsi giustizia. Abbandona la scuola e trova lavoro nella fabbrica di proprietà del glaciale e affascinante Michele che è proprio l'uomo che era al volante dell'auto. La ragazza sembra non riconoscerlo, lui invece non ha dubbi. Michele prova da subito un forte istinto di protezione verso la ragazza, che ben presto si trasforma in amore. Irene completamente all'oscuro inizia ad aprirsi e confidarsi proprio con l'uomo a cui sta dando la caccia. Mentre il cerchio si stringe attorno a Michele, qualcosa di inaspettato avviene…

(Mo.Sa.)

News correlate

Tutte le news