Il Primo Re | Italy for Movies
il primo re, romolo, remo, roma, fondazione, groenlandia film, location, rai cinema, cineturismo, Alessandro Borghi, Alessio Lapice, matteo rovere, 753 A.C., manziana, bosco del foglino, nettuno, terni, Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili, monte cavo, Parco regionale di Veio, monte ceraso, Parco nazionale del Circeo, lago dei monaci, Oasi naturalistica Lago di Alviano

Il Primo Re

Genere

Film drammatico, epico, azione

Cast

Alessandro Borghi, Alessio Lapice, Fabrizio Rongione, Massimiliano Rossi, Tania Garribba

Regia

Matteo Rovere

Il Primo Re

Genere

Film drammatico, epico, azione

Cast

Alessandro Borghi, Alessio Lapice, Fabrizio Rongione, Massimiliano Rossi, Tania Garribba

Regia

Matteo Rovere
Salva
Condividi

I luoghi

Il racconto cinematografico sulle origini del primo nucleo comunitario della città e dell’impero romano, ambiziosamente girato in latino arcaico, si svolge tutto in ambientazioni naturali, luoghi spesso selvaggi e a volte inospitali, ancora non contaminati dall’insediamento umano.

A dominare la scena sono i boschi, le foreste, il verde delle radure rintracciabili in diversi luoghi del Lazio, come il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, il Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili, il Monte Cavo definito “Vulcano laziale”, il Monte Ceraso che si erge nel Parco regionale di Veio.

La suggestiva foresta planiziaria del Parco Nazionale del Circeo diventa lo sfondo di molte scene del film, incluse quelle che hanno previsto l’attraversamento di paludi naturali chiamate “piscine”. Nello stesso parco, il Lago dei Monaci, il più piccolo tra i bacini del Circeo, è il luogo del doloroso scontro tra i due fratelli nella parte conclusiva della narrazione epica.

Altri ciak sono stati battuti nel Bosco del Foglino, in particolare nei pressi della "piscina" di Vallone Cupo, ma anche a Manziana, dove è stato ambientato lo scontro nel fango tra i prigionieri e i crudeli abitanti di Alba, guidati dal volere degli dei e della loro interprete, l’oscura vestale. Una piccola incursione del set ha riguardato anche l’Umbria, nell'Oasi naturalistica Lago di Alviano, nel comune di Guardea.

I luoghi

Il racconto cinematografico sulle origini del primo nucleo comunitario della città e dell’impero romano, ambiziosamente girato in latino arcaico, si svolge tutto in ambientazioni naturali, luoghi spesso selvaggi e a volte inospitali, ancora non contaminati dall’insediamento umano.

A dominare la scena sono i boschi, le foreste, il verde delle radure rintracciabili in diversi luoghi del Lazio, come il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, il Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili, il Monte Cavo definito “Vulcano laziale”, il Monte Ceraso che si erge nel Parco regionale di Veio.

La suggestiva foresta planiziaria del Parco Nazionale del Circeo diventa lo sfondo di molte scene del film, incluse quelle che hanno previsto l’attraversamento di paludi naturali chiamate “piscine”. Nello stesso parco, il Lago dei Monaci, il più piccolo tra i bacini del Circeo, è il luogo del doloroso scontro tra i due fratelli nella parte conclusiva della narrazione epica.

Altri ciak sono stati battuti nel Bosco del Foglino, in particolare nei pressi della "piscina" di Vallone Cupo, ma anche a Manziana, dove è stato ambientato lo scontro nel fango tra i prigionieri e i crudeli abitanti di Alba, guidati dal volere degli dei e della loro interprete, l’oscura vestale. Una piccola incursione del set ha riguardato anche l’Umbria, nell'Oasi naturalistica Lago di Alviano, nel comune di Guardea.

Sfoglia la gallery

Scheda tecnica

Genere
Film drammatico, epico, azione
Regia
Matteo Rovere
Cast
Alessandro Borghi, Alessio Lapice, Fabrizio Rongione, Massimiliano Rossi, Tania Garribba
Paese di produzione
Italia, Belgio
Anno
2019
Anno di ambientazione
753 A.C.
Produzione

Groenlandia, Rai Cinema, Gapbusters

Trama

Due fratelli destinati a diventare leggenda, Romolo e Remo, lottano per la sopravvivenza in un mondo duro, arcaico e fortemente legato a credenze religiose pagane. Una profezia mette alla prova il loro legame, costringendoli a compiere scelte difficili, il cui esito sarà la fondazione di Roma e dell’impero più grande che sia mai esistito.

Le location

Parco della Solfatara di Manziana
Regione: Lazio Tipologia: Parco Territorio: campagna, collina
Parco Naturale Regionale Monti Simbruini
Regione: Lazio Tipologia: Parchi naturali Territorio: montagna
Parco Nazionale del Circeo
Regione: Lazio Tipologia: Parchi naturali Territorio: mare, montagna
Parco Regionale di Veio
Regione: Lazio Tipologia: Parchi naturali Territorio: campagna, collina
Parco regionale naturale Monti Lucretili
Regione: Lazio Tipologia: Parchi naturali Territorio: campagna, lago, montagna, pianura

Scopri le opere girate negli stessi luoghi

Tutte le opere
Continuavano a chiamarlo Trinità
Film western
Regia: E.B. Clucher (Enzo Barboni)
Freaks Out
Film storico, fantastico
Regia: Gabriele Mainetti
I Viceré
Film storico
Regia: Roberto Faenza
Il compleanno
Film drammatico
Regia: Marco Filiberti
Il viaggio della sposa
Film drammatico
Regia: Sergio Rubini
L'amico di famiglia
Film drammatico
Regia: Paolo Sorrentino
Lo chiamavano Trinità...
Film western
Regia: E.B. Clucher (Enzo Barboni)
Quo vado?
Film commedia
Regia: Gennaro Nunziante
Saturno contro
Film drammatico
Regia: Ferzan Ozpetek

News correlate

Tutte le news