Nazionale

Credito di imposta per le imprese di produzione — Legge 220/2016 (art. 15)

Scadenza sessioni:

  • 31.12.2021 Aperto
Salva
Condividi

Descrizione

La legge 220 del 14 novembre 2016 “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo” istituisce il “Fondo per il cinema e l’audiovisivo” destinato al finanziamento di Credito di imposta, Contributi automatici e contributi selettivi.

I crediti d’imposta riconosciuti dalla legge sono 6:

  • Credito d’imposta per le imprese di produzione (art. 15)
  • Credito d’imposta per le imprese di distribuzione (art. 16)
  • Credito d’imposta per le imprese dell’esercizio cinematografico, per le industrie tecniche e di post-produzione (art. 17)
  • Credito d’imposta per il potenziamento dell’offerta cinematografica (art. 18)
  • Credito d’imposta per l’attrazione in Italia di investimenti cinematografici e audiovisivi (art. 19)
  • Credito d’imposta per le imprese non appartenenti al settore cinematografico e audiovisivo (art. 20)

Il credito di imposta per le imprese di produzione consiste nella possibilità di compensare debiti fiscali (IRES, IRPEF, IRAP, IVA, contributi previdenziali e assicurativi) con il credito maturato a seguito di un investimento in sviluppo e produzione cinematografica e audiovisiva. 

Contatti dell'ente

Link al bando Stampa scheda

Scheda tecnica

Produzione

  • Film italiano o coproduzione
  • Coproduzione

Canale di distribuzione

  • Cinema
  • Televisione
  • Web

Fase filiera interessata

  • Sviluppo
  • Produzione

Budget

  • €313.000.000 (€85.000.000 per cinema, €251.000.000 per opere audiovisive, €13.000.000 per opere videoludiche)

Prodotti eleggibili

  • Lungometraggio
  • Cortometraggio
  • Fiction TV
  • Documentario
  • Animazione
  • Prodotto web

Beneficiari

  • Società di produzione italiana

Contributo massimo

  • fino a €9.000.000 per opera, in caso di opere cinematografiche, televisive e web;
  • fino a €18.000.000 per opera, in caso di opere cinematografiche, televisive o web alla cui copertura del costo complessivo di produzione concorrano, per almeno il 30 per cento, risorse provenienti da Paesi al di fuori dell’Italia.

Quota massima sui costi

I crediti d’imposta e le altre misure di sostegno pubblico non possono superare, complessivamente, il 50% del costo dell’opera audiovisiva (elevabile al 60% e al 100% per alcune tipologie di opere — vedi art. 4 decreto applicativo).

 

Tipologia contributo

  • Credito d'imposta

Aliquota tax credit

    • Sviluppo di film e opere audiovisive via web (no cortometraggi): 30% delle spese sostenute fino a €300.000 annui.
    • Produzione di opere cinematografiche: 40% delle spese sostenute da produttori indipendenti; 25% delle spese sostenute da produttori non indipendenti e imprese non europee fino a €5.000.000 annui.
    • Produzione di opere di ricerca e formazione e di videoclip: 40% del costo eleggibile di produzione.
    • Produzione di opere televisive e web: 30% o 40% delle spese sostenute.
    • Le spese sostenute per adempiere alle previsioni del Protocollo di sicurezza Covid-19 dei lavoratori cineaudiovisivi danno diritto ad un credito d’imposta pari al 100% del loro ammontare, fino a €400.000 euro per opera.
    •  

Requisiti

  • Obbligo di richiesta di nazionalità italiana
  • Capitale sociale minimo versato: €40.000 (€10.000 in caso di produzione di opere di ricerca e formazione e dei cortometraggi)
  • Patrimonio netto minimo: €40.000 (€10.000 in caso di produzione di opere di ricerca e formazione e dei cortometraggi)

L'opera deve avere i requisiti di eleggibilità culturale.

Il produttore richiedente deve avere sede legale nello Spazio Economico Europeo e residenza fiscale in Italia.

La presentazione di istanza alla DGCA per il riconoscimento del credito d’imposta deve avvenire non prima di sessanta giorni antecedenti la data di avvio di quattro settimane consecutive di riprese o, in alternativa, del 50% delle giornate di ripresa.

Erogazione

Entro 60 giorni dalla ricezione della richiesta, la DGCA, verificata la disponibilità delle risorse, comunica ai soggetti interessati il riconoscimento o mancato riconoscimento del credito.

Bandi in evidenza

Tutti i bandi

News correlate

Tutte le news